MARTEDÌ 07 APRILE 2015, 009:21, IN TERRIS

LOTTA ALLA JIHAD, GENTILONI: "INEVITABILE IL RICORSO ALLE ARMI"

Il ministro degli Esteri al Corsera: "Questi gruppi vanno affrontati anche sul piano militare". Caso Daesh: "Sosteniamo l'islam che combatte il terrorismo"

DANIELE VICE
LOTTA ALLA JIHAD, GENTILONI:
LOTTA ALLA JIHAD, GENTILONI: "INEVITABILE IL RICORSO ALLE ARMI"
Contro il terrorismo il ricorso alle armi non è una scelta ma una necessità. Il ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni, non cerca buonismi o facili soluzioni, sa che quella lanciata dalla jihad è una guerra in piena regola e le guerre non si combattono solo con la diplomazia. "Per contrastare il terrorismo è inevitabile il risvolto militare - ha spiegato in un'intervista al Corriere della Sera - . Qualcuno potrà scandalizzarsi, ma questi gruppi vanno affrontati anche sul piano militare. Non userò la parola combattere, altrimenti mi ritrovo nei panni del crociato...". Per l'Italia nessuno scenario è escluso, compreso l'uso della forza. "Facciamo parte di una coalizione militare anti Daesh impegnata soprattutto in Iraq e in Siria - ha detto -. Ma in futuro si potrebbe valutare l'opportunità di contribuire al contrasto del terrorismo in Libia o di fenomeni come Boko Haram in Nigeria, per esempio. I carabinieri italiani sono impegnati in Somalia per contribuire alla formazione e all'addestramento delle forze armate locali che devono combattere proprio contro i responsabili della strage di Garissa. Insomma, c'è una dimensione militare".

Gentiloni sta seguendo da vicino l'evoluzione dell'Isis, anzi del Daesh, come preferisce chiamarlo lui, "lo ritengo un gesto di controinformazione - ha sottolineato il numero uno della Farnesina - rispetto a chi si attribuisce il ruolo di stato islamico e si autoproclama califfo". Per affrontare il problema occorre sostenere con decisione chi, nell' enorme sfida politico-culturale in atto dentro il mondo islamico, si impegna contro il terrorismo.

"'Voi potete aiutarci ma siamo noi che dobbiamo sconfiggere i rinnegati', mi ha detto proprio il re di Giordania. Identiche parole sono venute dal presidente egiziano Al Sisi e dall'Imam di Al Azhar, Sheikh Ahmed al Tayeb. E per le stesse ragioni dobbiamo cercare di favorire, per quanto è nelle nostre possibilità, una convivenza tra sunniti e sciiti". E aggiunge: "Secondo quanto risulta ai maggiori Paesi occidentali e a noi, è prematuro immaginare una confluenza di diversi gruppi jihadisti nel Daesh. Ciò che sta certamente accadendo, penso a Boko Haram, è che i cupi vessilli neri del Daesh vengono usati da raggruppamenti differenti come in un macabro franchising del terrore, perché quel marchio ha un chiaro impatto mediatico".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"