GIOVEDÌ 06 DICEMBRE 2018, 10:10, IN TERRIS


VERSO IL CONGRESSO

Lo sfogo di Renzi sul Pd

L'ex primo ministro: "Le correnti sono la rovina del partito, non sarò il burattinaio"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Matteo Renzi
Matteo Renzi
"C

hiedetemi tutto ma non di fare il piccolo burattinaio al congresso del Pd". Matteo Renzi affida a Facebook uno sfogo in vista del congresso che decreterà il prossimo segretario Dem. L'ex presidente del Consiglio e segretario del Pd, scrive che "da mesi non mi preoccupo della Ditta Pd: mi preoccupo del Paese. Che è più importante anche del Pd", afferma.

E poi prosegue: "Tutti i giorni ho fatto sentire la mia voce contro il Ministro Sciacallo, Salvini. E contro il Ministro Prestanome, Di Maio. Non mi nascondo, io. Se devo fare una battaglia la faccio a viso aperto, io. Ma proprio per questo ho detto ai miei amici: non farò mai il capo di una corrente. Faccio una battaglia sulle idee, non per due poltrone interne. Per me le correnti sono la rovina del Pd. Le correnti potevano andar bene nei partiti del Novecento: nella Dc o nel Pci. Oggi le correnti non elaborano idee ma proteggono gruppi dirigenti. E tutta la mia esperienza, fin dai tempi delle primarie da sindaco, dimostra che io sono abituato a rischiare in prima persona, non a chiedere il permesso a qualcuno". "Per cui: chiedetemi tutto - commenta - ma non di fare il piccolo burattinaio al congresso del Pd".

L'ex primo ministro sottolinea inoltre che "chi vincerà avrà il mio rispetto. Quello stesso rispetto che non ho avuto quando, dopo aver vinto due volte col 70%, sono stato attaccato dal fuoco amico dal giorno dopo". "Quello stesso rispetto - aggiunge - che non ho avuto quando, vittima ancora oggi di una campagna social vergognosa, la mia famiglia è stata trascinata in un fiume di fango su cui pochissimi nel gruppo dirigente hanno avuto il coraggio di esporsi. Mentre esponenti dei servizi segreti tramavano contro di me per il tramite di mio padre, larga parte del gruppo dirigente - annota - discuteva del mio carattere".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Van der Bellen e Kurz
AUSTRIA

Governo: c'è l'ok di Van der Bellen ai tecnici

Nelle prossime ore Kurz dovrebbe presentare la lista dei nuovi ministri
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile