GIOVEDÌ 30 LUGLIO 2015, 20:30, IN TERRIS

LETTA: "LA CLASSE POLITICA SOMIGLIA SEMPRE PIU' AD HOUSE OF CARDS"

L'ex premier durissimo sul Fatto Quotidiano: "Da noi c'è una personalizzazione esasperata della leadership". E avverte Renzi: "C'è sempre qualcuno più furbo e spregiudicato"

REDAZIONE
LETTA:
LETTA: "LA CLASSE POLITICA SOMIGLIA SEMPRE PIU' AD HOUSE OF CARDS"
"C'è una classe politica sovente morbida rispetto a un modello alla House of Cards, fatto di intrighi e macchinazioni, disprezzo della parola e scarsa trasparenza". Lo ha scritto Enrico Letta in un articolo per il Fatto Quotidiano. L'ex premier parla di una "mutazione genetica del sistema dei partiti, che in Italia, anche nel campo del centrosinistra, si sovrappone all'eredità tossica del ventennio berlusconiano e si traduce nella personalizzazione esasperata delle leadership, nell'egotismo, nell'ossessione per il consenso immediato, nell'umiliazione dei corpi intermedi ridotti a ruoli al massimo ancillari".

Un riferimento nemmeno velato a Matteo Renzi. E infatti Letta prosegue: "Mi capita di discuterne spesso negli ultimi tempi. E ogni volta il retropensiero corre alla vicenda di cui sono stato protagonista. Legittimo, ma riduttivo. Perché, al di là delle implicazioni personali, ciò che a me sembra sfuggire al dibattito è la non convenienza di questo modello per la collettività".

Letta spiega che oggi ci si rifugia "dietro una malintesa e relativista realpolitik, quasi fosse una condanna. Si omette, però, di dire che assai di rado l'Italia ha dimostrato al mondo di essere nazione e comunità". Il nostro senso dell'interesse nazionale è opzionale, sbiadito". In più, aggiunge, "assistiamo a una rincorsa all'approssimazione e alla mancanza di rispetto reciproco che rischia di travolgere tutti, anche gli alfieri di questo stesso modello, perché, se i freni saltano, ci sarà sempre qualcuno di più furbo, di più spregiudicato, di più incline alla demagogia a guadagnare la testa della corsa".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti