MERCOLEDÌ 13 SETTEMBRE 2017, 10:39, IN TERRIS

Legge contro la propaganda fascista: la Camera approva

Passa il ddl Fiano tra le polemiche, a rischio negozi di souvenir nostalgici. Fratelli d'Italia: "Legge delirante"

MATTIA SHERIDAN
Legge contro la propaganda fascista: la Camera approva
Legge contro la propaganda fascista: la Camera approva
Alla riapertura dopo la pausa estiva, la Camera ha approvato ieri il ddl Fiano che introduce il reato di propaganda fascista. Il voto è passato con 261 sì, 122 no e 15 astenuti. Ora il testo passa in Senato, dove l'approvazione resta un'incognita per via dei numeri più incerti della maggioranza.

Proteste di Fratelli d'Italia


Visto l'acceso dibattito sul testo che ha attraversato l'estate, prevedibili le contestazioni al momento del voto in aula. Contrari centrodestra e Movimento 5 Stelle, che ha definito il provvedimento "liberticida". I più agitati i deputati di Fratelli d'Italia. Il capogruppo Fabio Rampelli ha attaccato il ddl sostenendo che "vuole mandare il galera chi produce il vino 'bevo nero e me ne frego' e introduce la persecuzione della libertà d'opinione".

La leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, ha commentato su Twitter l'approvazione alla Camera del testo: "Follia Pd: bocciata alla Camera la proposta di discutere subito la mozione ’no Bolkestein’ di FdI. La loro priorità? Il delirante ddl Fiano".

Fiano: "Ancora attuale compito di combattere nazi-fascismo"


Per Emanuele Fiano, PD, primo firmatario del testo, è invece una legge necessaria: “Il principio di libertà è alla base della legge che noi abbiamo fortemente voluto. Perché a 65 anni dalla Legge Scelba non è affatto scolorito il compito di combattere l’ideologia nazi-fascista, la carica di violenza razzista e di odio che essa comporta“, ha dichiarato.

Il testo


La nuova formazione introduce l’articolo 293-bis nel codice penale: "Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque propaganda i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero dei relativi metodi sovversivi del sistema democratico, anche attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne fa comunque propaganda richiamandone pubblicamente la simbologia o la gestualità, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. La pena è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jessica Notaro
QUIRINALE

Mattarella conferisce 30 onorificenze al merito

Insignita anche Jessica Notaro e don Paolo Felice Giovanni Steffano
Daniel Hegarty
MOTOCICLISMO

Motociclista muore durante il Gp di Macao

Daniel Hegarty aveva 31 anni: è finito contro le barriere
Malcom Young sul palco
HARD ROCK

E' morto Malcolm Young fondatore degli Ac/Dc

Il fratello Angus: "Ci lascia un'eredità attraverso la quale vivrà per sempre"
Carabinieri del Ros in azione
MAFIA

Taormina: 12 arresti nel clan Brunetto

Sono ritenuti responsabili di associazione a delinquere di tipo mafioso
Papa Francesco ha reso omaggio a Benedetto XVI
PREMIO RATZINGER

Benedetto, maestro nella ricerca della verità

L'omaggio di Francesco al predecessore: "Il suo magistero eredità preziosa"
L'ex premier del Libano Saad Hariri
LIBANO

Il premier Hariri atterrato a Parigi: rientrerà a Beirut il 22 novembre

Macron ha invitato lui e la moglie "per qualche giorno o qualche settimana"