LUNEDÌ 10 AGOSTO 2015, 14:00, IN TERRIS

LEGALITA', PANNELLA IN SCIOPERO DELLA FAME PER AIUTARE MATTARELLA

Il leader radicale: "Da ieri ho smesso di bere e di nutrirmi. Sosterremo le decisioni del Presidente"

LUCA LA MANTIA
LEGALITA', PANNELLA IN SCIOPERO DELLA FAME PER AIUTARE MATTARELLA
LEGALITA', PANNELLA IN SCIOPERO DELLA FAME PER AIUTARE MATTARELLA
Marco Pannella è di nuovo in sciopero della fame. Il leader del partito radicale ha deciso di smettere di mangiare di bere per sostenere Sergio Mattarella nella sua lotta a sostegno della legalità. Al Presidente della Repubblica ha detto: "Da ieri sera non bevo, oltre ad aver smesso di nutrirmi, per trasmettere spiritualmente a te la forza che speriamo tu abbia di far rispettare la legge, questo è il mio messaggio. Il messaggio di Napolitano del 2014 sulla giustizia lo riteniamo di estrema attualità". In diretta su Radio Radicale Pannella ha detto di voler convocare quanto prima il senato del partito, "ci assumiamo la responsabilità di dire che interveniamo per garantire il rispetto del diritto e della legalità. Sono qui per dire: dalla mezzanotte di ieri sera sono in iniziativa nonviolenta per per aiutare i massimi magistrati della Repubblica Italiana perché vi sono cose che stanno incalzando".

Pannella ha detto che intende aiutare "Mattarella e il presidente del Consiglio perché annuncino quello che intendono fare, noi li aiuteremo a far rispettare le decisioni che vorranno prendere". Sulla base di quanto le giurisdizioni stanno ribadendo "devono essere tutte rispettate, quindi dobbiamo prendere atto, rispetto per la giustizia, va recuperata la fase delle indagini. Sappiamo che ci viene ingiunto di rientrare nel rispetto del nostro diritto e della nostra legalità per quel che riguarda la non ragionevole durata dei processi che ne distorce i connotati".

Secondo il segretario radicale "si aprono "processi", "indagini" che si perdono per strada e "non solo non hanno ragionevole durata, ma non hanno conclusione. Noi abbiamo sempre affermato, in totale sintonia con Napolitano e il suo messaggio, che se viene riscontrata una situazione di non legalità immediatamente occorre correggerla e rientrare nella legalità. Ma questo non accade. A questo punto, ha osservato Pannella, "è necessario che venga ristabilito il rispetto del diritto e dei diritti per quel che riguarda la giustizia, i processi e di conseguenza le carceri, il ruolo dei magistrati di sorveglianza, per esempio".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015