MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 009:17, IN TERRIS

LAVORO: BOOM DI INDETERMINATI, PIU' 24% IN TRE MESI

Gli effetti del Jobs Act cominciano a farsi sentire. Renzi: "La strada è lunga ma la macchina è ripartita"

FRANCESCO VOLPI
LAVORO: BOOM DI INDETERMINATI, PIU' 24% IN TRE MESI
LAVORO: BOOM DI INDETERMINATI, PIU' 24% IN TRE MESI
Boom dei contratti a tempo indeterminato nel 2015. Conseguenza degli sgravi fiscali contributivi sulle assunzioni fatte quest'anno e dall'entrata in vigore del JobsAct. I dati diffusi ieri dall'Inps fotografano una situazione molto più rosea di quella descritta dall'Istat solo pochi giorni fa e sottolineano come il saldo tra attivazioni e cessazioni complessive nell'anno sia positivo per 319.873 unità, grazie soprattutto alla volata dei rapporti a tempo indeterminato (+203.151). Il premier Matteo Renzi ha affermato che "la strada da percorrere è ancora lunga" ma che "la macchina è ripartita. Dopo cinque anni di crollo costante - ha scritto su Facebook - tornano a crescere gli occupati". La Cgil, invece, parla di "regalo alle imprese" con lo sgravio contributivo per tutte le assunzioni stabili e non selettivo per la nuova occupazione, mentre la Cisl giudica positivamente i dati e chiede di confermare l'incentivo per il 2016.

La Uil ribadisce che per uscire dalla crisi è necessario far ripartire gli investimenti. I nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato nei primi tre mesi sono stati 470.784, 91.277 in più rispetto allo stesso periodo del 2014 (+24,1%); ma se a questi si aggiungono anche le trasformazioni a tempo indeterminato dei contratti a termine (122.645) e le trasformazioni di rapporti di apprendistato (26.396) si arriva a oltre 619.000 attivazioni di contratti stabili. Se a questi si sottraggono le cessazioni resta una variazione netta positiva di 203.151 rapporti fissi di lavoro. L'Inps ricorda che i dati riguardano solo l'occupazione subordinata e che non sono compresi i lavoratori domestici, quelli pubblici e gli operai agricoli. Il dato può sembrare in contraddizione quello Istat (a marzo 70.000 occupati in meno rispetto a marzo 2014) ma in realtà si tratta di informazioni molto differenti, dato che quello dell'Istituto di statistica è a campione e riguarda tutto l'universo del lavoro, compreso quello autonomo e irregolare. L'Inps, invece, diffonde i dati amministrativi, quindi le assunzioni e cessazioni di rapporti di lavoro subordinato (anche più rapporti in capo allo stesso lavoratore) che risultano all'Istituto.

In pratica, nel caso di stabilizzazione di un lavoratore autonomo, collaboratore o con partita Iva, all'Istat non risulterà un occupato in più mentre l'Inps conteggerà un nuovo rapporto di lavoro subordinato. Proprio a marzo 2015 - rileva il Mef - le partite Iva aperte sono state 51.914, il 2% in meno rispetto allo stesso mese del 2014. Nei primi tre mesi - si legge nelle tabelle diffuse ieri - i rapporti di lavoro instaurati con la fruizione dell'esonero contributivo sono stati nel complesso 267.970. Solo a marzo, mese nel quale e' entrato in vigore il decreto attuativo del Jobs act sul contratto a tutele crescenti, il 57% delle assunzioni a tempo indeterminato ha usufruito dell'esonero contributivo.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
INDONESIA

Sisma di 6.5 a Giava: morti e crolli

L'epicentro a 92 km dalla superficie: panico e gente in strada. Non è ancora chiara l'entità dei danni
No Tav da Eataly - © Il Giornale
MILANO

Assalto No Tav contro Eataly

50 attivisti spintonano i camerieri e urlano: "Studiare e lavorare è un ricatto"
Brexit (repertorio)
BREXIT

Ok del Consiglio alla "fase due"

May: "Passo importante". I leader Ue: "Ora inizia il difficile"
La Suprema Corte australiana
AUSTRALIA

Rapporto sulla pedofilia, "una tragedia nazionale"

Presentate 409 raccomandazioni tra cui quella di rivedere il segreto della confessione e il celibato dei preti
Joe Biden
AUDIZIONI AL COPASIR

"Nessuna ingerenza russa": 007 italiani smentiscono Biden

L'ex vicepresidente Usa parlava di interferenze nella campagna per il referendum costituzionale
Assemblea regionale siciliana
PRESIDENZIALI ARS

Deficit di un voto, Micciché sfiora la nomina

Doppia fumata nera: rinviata a domani l'elezione del presidente dell'Assemblea siciliana