LUNEDÌ 18 FEBBRAIO 2019, 17:21, IN TERRIS


IMMIGRAZIONE

La rivolta dei nigeriani che ha spaventato Ferrara

La questura cerca gli autori dei disordini di sabato notte. Salvini: "Metteremo le cose a posto"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cassonetti ribaltati a Ferrara
Cassonetti ribaltati a Ferrara
N

on è stato un risveglio facile per Ferrara, dopo la notte di disordini tra sabato e domenica avvenuti in zona Gad, ad opera - sembra - di almeno una trentina di nigeriani. Cassonetti scaraventati in strada, urla e minacce alle forze dell'ordine hanno attirato l'attenzione degli abitanti del quartiere popolare per diverso tempo. A scatenare la protesta - riferisce Il Resto del Carlino - è stato l'investimento verso le 20.30 di un nigeriano di 28 anni, inseguito dai carabinieri, da parte di un'auto privata. È stato trasportato in ospedale in condizioni di media gravità, ma è partito un passaparola errato secondo cui era morto, travolto dai carabinieri. Di qui la reazione violenta degli stranieri. L'uomo investito ha riportato un'infrazione vertebrale ed è già stato dimesso ieri pomeriggio dall'ospedale, con prognosi di 18 giorni e la prescrizione del collarino. Successivamente è stato denunciato per spaccio, perchè trovato in possesso di 7/8 grammi di marijuana. 


Salvini: "A Ferrara per mettere le cose a posto"

In queste ore, vengono passate al setaccio le immagini di videocamere di sorveglianza della zona e di smartphone, cercati e sentiti eventuali testimoni. Si cerca di ricostruire quanto accaduto, per un episodio che ha sollevato lo sdegno del ministro dell'Interno Matteo Salvini che ha annunciato su Fb di essere pronto a venire a Ferrara "per mettere le cose a posto". Intanto il questore Giancarlo Pallini ha definito la guerriglia di sabato notte "un episodio intollerabile, sul quale faremo luce con tutti i mezzi a nostra disposizione". La vicenda ha avuto ampia eco. "A Ferrara, zona Gad, si è scatenata una vera e propria guerriglia urbana tra criminali e spacciatori che hanno rovesciato cassonetti in strada e minacciato forze dell'ordine. Subito l'esercito a controllo della zona per fermare una volta per tutte questo degrado: Ferrara non merita di essere ostaggio della mafia nigeriana!". E' quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni. “Ci siamo trovati faccia a faccia con circa 100 nigeriani, non è stato facile”, racconta Nicola Lodi, della Lega. “Ci hanno accerchiato e minacciato e il messaggio è questo: se il ragazzo investito è morto, domani succederà la guerra a Ferrara. Farete una brutta fine”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore
Il luogo dell'incidente sul lavoro
TAINO | VARESE

Precipita in fabbrica: morto figlio del titolare

Inail: nel 2019 + 3,5% di morti bianche rispetto allo stesso periodo dello scorso anno
Offerte di lavoro

Aiuti al Sud

Andranno in vigore dal primo maggio esoneri contributivi per le aziende che assumono a tempo indeterminato i...
Una scarpa abbandonata, una delle immagini simbolo del massacro
STRAGE DI PASQUA

Sri Lanka, chi sono le vittime del massacro

Britannici, statunitensi, indiani, cingalesi: 290 vite spezzate dalla follia del terrorismo