MARTEDÌ 12 FEBBRAIO 2019, 15:10, IN TERRIS


VENEZUELA

Ok alla risoluzione di Moavero

Documento approvato con 266 sì. "Siano assicurati interessi e sicurezza dei nostri connazionali"

REDAZIONE
Manifestanti venezuelani a Montecitorio
Manifestanti venezuelani a Montecitorio
L'

aula della Camera ha approvato la risoluzione di maggioranza sulle comunicazioni del ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, per il Venezuela. Il testo ha ottenuto 266 sì, 205 no e nove astenuti (i deputati di Leu).


La risoluzione

Il documento impegna l'esecutivo "a continuare ad attivarsi affinché siano tutelati la sicurezza e gli interessi dei connazionali residenti in Venezuela e delle aziende italiane operanti nel Paese; ad assumere ogni iniziativa utile, anche in sede di Ue, affinché sia affrontata in priorità l'emergenza umanitaria, e la crisi economica e sociale, garantendo il necessario flusso di aiuti nel rispetto del diritto internazionale; a condannare, con forza, ogni forma di violenza, repressione o conflitto armato in Venezuela; a sostenere gli sforzi diplomatici, anche attraverso la partecipazione a fori multilaterali, al fine di procedere, nei tempi più rapidi, alla convocazione di nuove elezioni presidenziali che siano libere, credibili e in conformità con l'ordinamento costituzionale"


Le parole di Moavero Milanesi

Durante il suo intervento a Montecitorio, Moavero aveva spiegato: "Il governo italiano ritiene che le elezioni presidenziali dello scorso maggio in Venezuela non attribuiscono legittimità democratica a chi ne è uscito vincitore, cioè Nicolas Maduro". Per questo, "il governo italiano - aveva proseguito il ministro - chiede al più presto nuove elezioni presidenziali democratiche in Venezuela". Secondo Moavero, "gli elettori venezuelani devono tornare padroni di scegliere chi li rappresenta e governa". "Il governo italiano considera inaccettabile e condanna ogni tipo di violenza e violazione delle libertà fondamentali e dei diritti umani" aveva aggiunto. Nel Paese sudamericano, continua il ministro, bisogna "prevenire scontri che potrebbero sfociare in una guerra civile". Riferendo ai deputati, Moavero aveva ribadito che la situazione è "complessa e piena di incertezze". E per questo occorre favorire una "riconciliazione nazionale che permetta di restituire rapidamente la scelta al popolo venezuelano". Il responsabile della Farnesina aveva poi dei tanti italiani presenti in Venezuela garantendo che il nostro Paese si è già attivato "per far affluire gli aiuti umanitari" e "ha proceduto a un primo stanziamento di emergenza del valore di due milioni di euro a favore del popolo, da erogarsi nel più assoluto rispetto del diritto internazionale". "Il governo si sta attivando per tutelare la sicurezza e gli interessi dei nostri connazionali residenti in Venezuela e delle aziende italiane", aveva assicurato poi Moavero.


Pd: "Governo ambiguo"

Continua invece a parlare di "ambiguità" della maggioranza sulla questione venezuelana l'opposizione. Graziano Delrio, presidente del gruppo Pd alla Camera, ha detto che tale ambiguità del governo italiano è "frutto di un gioco delle parti tra Lega e M5s" e "sta provocando molti danni: è una indecisione che non aiuta a sbloccare la grave situazione di crisi di oggi e pregiudica il futuro stesso del Venezuela".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Conferenza Parole Guerriere alla Camera
LA RAI DEL CAMBIAMENTO

Foa: "Valorizzare l'informazione alternativa"

Il presidente del servizio pubblico ha partecipato al seminario del M5s "Parole guerriere"
Migranti minori in Italia
RAPPORTO MINORI MIGRANTI IN ITALIA

Unicef: "Obiettivo 2019, raggiungere 6mila ragazzi"

"Manca il 30% dei fondi necessari per raggiungere questi risultati"
SCUOLA

Studenti in piazza contro il nuovo esame di maturità

Gli alunni: "Bocciamo il governo"
Matteo Messina Denaro
CAMPOBELLO DI MAZARA (TP)

Soldi alla famiglia di Messina Denaro: 3 fermi

Un avviso di garanzia è stato notificato al deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino
I manifesti contro Juncker e Soros
PPE

Fidesz di Orban rischia l'espulsione

Non rientra il caso degli attacchi a Juncker da parte del governo ungherese
Gianfranco Duini e la vittima, Claudia Bortolozzo
MARGHERA (VE)

Uomo uccide la moglie, poi si costituisce

Gianfranco Duini, 43enne, ha accoltellato la consorte, Claudia Bortolozzo di 52