MERCOLEDÌ 05 DICEMBRE 2018, 12:15, IN TERRIS

L'Isis minaccia Venezia

Sui social la locandina che ritrae un miliziano di spalle e la bandiera nera sulla chiesa della Madonna della Salute

REDAZIONE
Locandina dell'Isis che minaccia Venezia
Locandina dell'Isis che minaccia Venezia
L'

Isis torna a minacciare l'Italia. Stavolta nel mirino dei miliziani jihadisti finisce Venezia. Sui circuiti social è stata lanciata un'immagine che ritrae un terrorista armato di spalle, sullo sfondo l'ex capitale della Serenissima, con una bandiera nera che domina sopra la chiesa della Madonna della Salute, quasi di fronte a piazza San Marco. Sul drappo scuro l'inconfondibile icona dell'Isis con la scritta "Shahada La ilàha illa Allàh", ossia "Non c’è divinità se non Allah". L'immagine è stata scovata da alcune agenzie americane che negli anni si sono specializzate nel monitoriaggio dei mezzi di comunicazione (da Instagram a Facebook, fino a Twitter) dei fondamentalisti.


"Venezia possibile obiettivo"

Il Corriere del Veneto ha contattato una fonte investigativa, che spiega: "Si tratta di un fotomontaggio diffuso tra la fine di ottobre e i primi di novembre anche su blog e siti Daesh attestati all’estero". La stessa fonte sottolinea che "l’allerta è sempre alta: Venezia è un possibile obiettivo, alla pari di molti altri centri nevralgici del nostro Paese". Per il professor Stefano Allievi, esperto di Islam e membro della Commissione di studio sulla radicalizzazione jihadista della Presidenza del consiglio dei ministri, "la scritta fa riferimento a uno degli hadîth (racconti, ndr) di Maometto, stando al quale dopo Costantinopoli anche Roma, intesa come il simbolo della cristianità, si sottometterà all’Islam".


Venezia "tinta" di rosso

Proprio pochi giorni fa Venezia con i suoi caratteristici monumenti è stata illuminata di rosso da un'iniziativa di Aiuto alla Chiesa che Soffre per ricordare la persecuzione dei cristiani nel mondo. Tra i monumenti veneziani coinvolti nell'inziativa, il Ponte di Rialto e un tratto del Canal Grande. Alla conferenza stampa di presentazione, monsignor Francesco Moraglia, Patriarca di Venezia, ha detto che l'iniziativa vuole "presentare una realtà che non sempre viene illuminata" e si è rivolto anche ai ragazzi ed alle ragazze impegnati nel pellegrinaggio diocesano alla Basilica della Madonna della Salute. "Vorrei - ha detto il Patriarca - che i giovani si confrontassero con la realtà della Chiesa perseguitata".

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Roma-Genoa 3-2. I giallorossi festeggiano Kluivert dopo la sua rete - Foto © Facebook

La Roma respira, Genoa k.o. all'Olimpico

Grifone avanti due volte ma Cristante la risolve in favore dei giallorossi. Nel pomeriggio vincono Napoli e Fiorentina
Le polpette al bollito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Polpette al bollito: l'avanzo fa un figurone

Un piatto buono per evitare sprechi. Il lesso di manzo torna protagonista
Uno dei presunti tunnel di Hezbollah
ISRAELE

L'esercito: "Scoperto il quarto tunnel di Hezbollah"

Il passaggio porta dal Libano al territorio israeliano. Un portavoce militare afferma: "Grave violazione della Risoluzione...
Il bus dopo lo schianto
SVIZZERA

Zurigo, si schianta un Flixbus

Il conducente ha perso il controllo a causa dell'asfalto innevato: una vittima italiana e 44 feriti, 3 gravi
La mappa Gem
PAVIA

Realizzate le mappe dei terremoti mondiali

Sono tre: pericolosità (“Hazard Model”), esposizione (“Global Exposure”) e rischio (“Risk...
Natale
SESSA AURUNCA

"A Natale prima le persone, poi i doni"

Il monito del Vescovo in una lettera inviata alle comunità in vista delle festività