LUNEDÌ 03 OTTOBRE 2016, 11:02, IN TERRIS

ITALICUM, IL PREMIER: "SI PUO' CAMBIARE MA IL PD NON PROPORRA' UNA NUOVA LEGGE"

Renzi a Radio Popolare: "La scelta spetta al Parlamento. Referendum? La Costituzione non verrà stravolta. Ci saranno più garanzie"

DANIELE VICE
ITALICUM, IL PREMIER:
ITALICUM, IL PREMIER: "SI PUO' CAMBIARE MA IL PD NON PROPORRA' UNA NUOVA LEGGE"
"Per me l'Italicum è una ottima legge ma se tutti pensano di riaprire il tema, il Pd è pronto non a presentare un'altra proposta sennò fai come il carciofo, con gli altri che dicono solo no. Ma siamo disponibili veramente ad andare a vedere le carte e a confrontarci. Io non faccio una nuova legge, non decido io, è una scelta del Parlamento. Ma la legge elettorale è meno importante della riforma e se serve cambiarla si cambia". Lo ha detto Matteo Renzi durante un'intervento su Radio Popolare.

Rispondendo a un ascoltatore, polemico sulla riforma della Costituzione, il premier ha spiegato che la "Boschi-Renzi" non stravolge la Carta Fondamentale "dei 47 articoli su cui interveniamo la maggioranza riguarda il Titolo V che ha fatto D'Alema e non i partigiani". Il capo del Governo ha ricordato che "la gran parte dei partiti costituenti erano contrari al bicameralismo paritario che fu un compromesso perché i partiti non erano d'accordo". Anche sul numero dei parlamentari il premier sostiene che "è cresciuto, non è quello che avevano voluto i partigiani".

Renzi è poi tornato sul confronto in tv con Gustavo Zagrebelski. "Ho un grande rispetto per lui, ho fatto l'esame di diritto costituzionale sul suo testo ma nel merito la matematica si è rivoltata contro. Checché ne dicano i campioni del No noi abbiamo rafforzato la garanzia per l'elezione del Capo dello Stato perché la Costituzione vigente dal quarto scrutinio basta la maggioranza semplice mentre noi abbiamo alzato il quorum al 60 per cento"

Quanto ai nuovi poteri del premier, Renzi ha detto che "cambiavano con la riforma di D'Alema e di Berlusconi. Ora non c'è un potere in più per il premier anzi nell'art.83 ci sono più garanzie per il capo dello Stato e in generale più garanzie per le opposizioni e si favorisce la partecipazione popolare. Faccio un esempio contro di me: con la nuova riforma rispetto al referendum sulle trivelle si potevano raccogliere 800 mila firme e il quorum si abbassava e così il referendum sarebbe passato".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
EUROPA LEAGUE

Atalanta e Milan, cinquine per i sedicesimi

Orobici e milanesi, con un 5-1, passano il turno con una giornata di aniticipo. Pari della Lazio
Robinho
VIOLENZA SESSUALE

Robinho condannato a nove anni

L'attaccante dell'Atletico Mineiro, ex Milan, avrebbe praticato una violenza di gruppo nel 2013
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Il Sostituto della Segreteria di Stato mons. Angelo Becciu
MALESIA

Inaugurata la Nunziatura "green"

Il sostituto mons. Becciu ricorda la libertà religiosa sancita dalla Costituzione
L'Ara San Juan (repertorio)
SOTTOMARINO DISPERSO

Esplosione a bordo dell'Ara San Juan

Chiarita la natura dell'anomalia acustica percepita prima dell'ultimo contatto
TRAGEDIA DEL RIGOPIANO

Altre 23 informazioni di garanzia per il disastro

A spedirle la Procura di Pescara: la valanga aveva provocato 29 vittime
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano