VENERDÌ 11 NOVEMBRE 2016, 001:30, IN TERRIS

Il Sud rivede la luce: dopo 7 anni s'interrompe il calo del Pil

Secondo lo Svimez nel 2015 la produzione del Mezzogiorno è cresciuta dell'1%

REDAZIONE
Il Sud rivede la luce: dopo 7 anni s'interrompe il calo del Pil
Il Sud rivede la luce: dopo 7 anni s'interrompe il calo del Pil
Notizie positive dal Meridione. Dopo sette anni si ferma infatti il calo del Pil del Sud. In base a valutazioni Svimez, presentate nel "Rapporto sull'Economia del Mezzogiorno" nel 2015 il Pil è cresciuto al Sud dell'1%, "recuperando parzialmente la caduta dell'anno precedente (-1,2%)", con una crescita superiore di 0,3 punti "a quello rilevato nel resto del Paese, +0,7%". Dal 2007, ricorda lo Svimez, "il Pil in quest'area è calato del -12,3%, quasi il doppio della flessione registrata nel Centro-Nord (-7,1%)".

La crescita nel Sud ha beneficiato nel 2015 di alcune condizioni peculiari: un'annata agraria particolarmente favorevole; la crescita del valore aggiunto nei servizi, soprattutto nel turismo, legata alle crisi geopolitiche nell'area del Mediterraneo che hanno dirottato parte del flusso turistico verso il Mezzogiorno; la chiusura della programmazione dei Fondi strutturali europei 2007-2013, che ha portato a un'accelerazione della spesa pubblica legata al loro utilizzo per evitarne la restituzione.

Al Sud c'è una "enorme sotto utilizzazione del capitale umano di giovani e donne e alla strutturale carenza di occasioni di lavoro specialmente qualificato, è importante che l'occupazione al Sud sia al centro della ripartenza" spiega lo Svimez. La crescita occupazionale nel Meridione è legata principalmente ai "contratti a termine e part time": in definitiva "è l'occupazione atipica ad essere tendenzialmente cresciuta" con "l'esplosione dei voucher ai quali occorre mettere un freno". Anche alla luce di questo fenomeno, "non è più rinviabile una misura organica e universale di contrasto della povertà, soprattutto alla luce della comparsa dei 'nuovi poveri', lavoratori anche diplomati o laureati che con la crisi hanno subito un netto peggioramento della condizione economica". Anche perché, sottolinea lo Svimez, ora "con la crisi, al Sud il 60% degli individui in famiglie giovani è a rischio povertà".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android
Piazza Fontana
STRAGE DI PIAZZA FONTANA| ANNIVERSARIO

Mattarella:
"Cercare la verità"

Il capo dello Stato ricorda le vittime dell'attentato che aprì la stagione degli "anni di Piombo"
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani