MARTEDÌ 12 NOVEMBRE 2019, 13:46, IN TERRIS

CRIMINALITÀ

Il rebus del delitto Diabolik

Resta un mistero l’omicidio di Fabrizio Piscitelli, fondatore degli Irriducibili, gruppo ultras della Lazio

GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
A

nche Report, il programma che ha fatto la storia nell'ambito del giornalismo investigativo in tv, ha dedicato ieri un approfondimento alla morte di Fabrizio Piscitelli, soprannominato Diabolik, fondatore degli Irriducibili, gruppo ultras della Lazio. “L’omicidio di Fabrizio Piscitelli continua a essere avvolto nel mistero- sottolinea Money.it-. Poco più di tre mesi dopo quel mercoledì 7 agosto quando Diabolik è stato freddato su una panchina del Parco degli Acquedotti, ancora non sembrerebbero esserci delle novità rilevanti sulle indagini in merito alla morte del leader della tifoseria della Lazio”. L’unica cosa che appare certa è che si sia trattato di una vera e propria esecuzione, messa in atto da un killer professionista che si era camuffato da runner riuscendo poi a far perdere le sue tracce dopo aver sparato un unico colpo con una pistola calibro 7,65.


Militanza nell'estrema destra

Ma chi era Fabrizio Piscitelli e perché il suo assassinio ha così scosso la capitale? Da quel giorno sul conto di Diabolik è stato detto tutto e il contrario di tutto, partendo dalla sua militanza nell’estrema destra romana fino al suo ruolo all’interno della curva della Lazio e ai presunti legami con la criminalità organizzata. “Fino al momento della sua morte il nome di Fabrizio Piscitelli era conosciuto e temuto in tutta la capitale, oltre a essere famoso tra gli ultras di tutta Italia per essere il leader storico degli Irriducibili, il gruppo guida del tifo caldo della Lazio- evidenzia Money.it-.Sposato con due figlie, una delle quali era in viaggio di nozze al momento della sua morte, Diabolik si trovava insieme al suo autista cubano quando è stato freddato al Parco degli Acquedotti mentre con ogni probabilità stava aspettando qualcuno”.


Testimoni oculari

L’azione del killer è stata rapidissima così come la sua fuga, ma la presenza di diversi testimoni oculari oltre che di diverse telecamere di sorveglianza nelle zone limitrofe facevano pensare che il responsabile dell’omicidio potesse essere rintracciato entro poche ore. “Invece ancora oggi non ha un nome e un cognome chi ha ucciso Piscitelli, così come ignoti sono i possibili mandanti. Per gli inquirenti l’omicidio di Diabolik sarebbe maturato all’interno dell’ambiente della malavita romana- puntualizza Money.it- Storicamente legato al mondo dell’estrema romana capitolina, nel 2013 Fabrizio Piscitelli era stato arrestato in un’inchiesta riguardante un traffico di droga internazionale, mentre nel 2015 per lui era arrivata una condanna in primo grado a 3 anni e 6 mesi per la vicenda del tentativo di scalata alla Lazio che coinvolse anche Giorgio Chinaglia”.


Funerali in forma privata

Sempre in quel periodo gli furono sequestrati beni per un valore totale di 2 milioni, compresa una villa a Grottaferrata. Dopo la sua morte, inizialmente per lui il questore di Roma optò per dei divieti restrittivi al funerale, che poi si è svolto in forma privata. “In un momento di così grande dolore - scrissero in quei giorni le figlie di Piscitelli - risulta incomprensibile come a nostro padre, che non ha mai avuto condanne per associazione e il cui killer ad oggi è ancora sconosciuto, il questore di Roma abbia deciso di applicare gli stessi divieti di celebrazione del funerale che altri questori hanno applicato a personaggi di spicco della criminalità organizzata, ristretti fino alla loro morte in regime di 41bis”.


Il mandante

Ad aumentare ancora di più il mistero di questo omicidio c’è un video postato su Youtube in data 2 settembre da Fabio Gaudenzi, amico stretto di Diabolik, dove l’uomo definendosi prigioniero politico si dichiarava appartenente insieme a Fabrizio Piscitelli e altri a un gruppo elitario chiamato I Fascisti di Roma Nord alla cui guida ci sarebbe Massimo Carminati. “Con il volto coperto e poche ore prima di consegnarsi alle forze dell’ordine, Gaudenzi ha rivelato di essere a conoscenza di cui fosse il mandante dell’omicidio del capo ultras della Lazio e di voler parlare con il procuratore Gratteri- riferisce Money.it-. Con ogni probabilità le indagini potranno arrivare a una vera svolta quando dalla Germania si saprà cosa è stato trovato nei tre cellulari in possesso di Fabrizio Piscitelli, magari facendo luce con chi si sarebbe dovuto incontrare in quel caldo pomeriggio di agosto al Parco degli Acquedotti”.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
L'OMICIDIO

Agguato al Parco degli Acquedotti, ucciso l'ultras Diabolik

Fabrizio Piscitelli era uno degli storici leader degli Irriducibili: l'assassino ha esploso un unico colpo alla nuca

Il luogo dell'omicidio. Nel riquadro Fabrizio Piscitelli
Un omicidio con modalità di esecuzione al Parco degli Acquedotti, a Roma, dove è stato ritrovato il corpo del 53enne Fabrizio...

Diabolik: oggi i funerali al Divino Amore

Tutte le zone off limits della Capitale, predisposto un massiccio dispiegamento di uomini e mezzi

Fabrizio Piscitelli
NEWS
Il monumento dedicato a Cristina Biagi
IL CASO

Femmincidio Biagi, l'Inps rinuncia al rimborso

La richiesta era stata avanzata alle figlie minorenni della donna uccisa dall'ex marito, che ferì un'altra...
Anthony Joshua
DIRIYYA

Boxe, ritmo e strategia: così Joshua è tornato re

L'inglese di nuovo campione dei pesi massimi: quello contro Ruiz è il match perfetto

Correte incontro al Signore con Maria Immacolata

L'Avvento è il tempo dell'attesa. “L’andare incontro al Signore”, cui ci invita la...
MILANO

Scontro bus-camion rifiuti: morta la donna in coma

Indaga la polizia locale, forse il mancato rispetto della precendeza all'origine dello schianto
La ragazza pakistana rapita - ©Asia News
ASIA

Pakistan, 14enne cristiana rapita. I genitori: "Il Papa ci aiuti"

La ragazza è stata costretta a convertirsi all'Islam e a sposare uno dei suoi rapitori
MONITO PAPALE

Francesco: "Con i populismi tornano le ideologie del '39"

Il Pontefice esorta i Paesi a "non chiudersi" e a "dialogare con la realtà". Il modello dei...
L'udienza di Papa Francesco alle Ong - ©Vatican News
UDIENZA PAPALE

Il Papa alle Ong: "L'eccesso di mezzi può anestetizzare la creatività"

Il Pontefice ha ricevuto in udienza anche l'Associazione cattolica Esercenti Cinema-Sale della Comunità
Uno squalo toro nell'acquario di Cattolica
RIMINI

Un presepe tra gli squali

Sarà possibile ammirarlo all'Acquario di Cattolica dall'8 dicembre
STATI UNITI

Sparatoria nella base militare di Pensacola, ecco gli ultimi aggiornamenti

Indagini ancora in corso, ipotesi terrorismo
johnson e corbyn nel duello in tv
BREXIT

Elezioni Gb, Johnson: "Votate me o sarà il caos"

Duello in tv sulla Bbc tra il laburista Corbyn e il premier britannico
Adolescenti con lo smartphone
ACTIONAID

"Youth for Love", l’e-game contro la violenza di genere

E' disponibile per smartphone gratuitamente e senza registrazione
Giuseppe Conte e Roberto Gualtieri
GOVERNO

Manovra, accordo su plastic e sugar tax

Una rinviata a luglio e ridotta dell'85%, l'altra a ottobre. Il premier: "Recessione scongiurata, non siamo il...