MARTEDÌ 06 MARZO 2018, 14:12, IN TERRIS


ITALIA 18

Il primo senatore nero della Repubblica è leghista

Toni Iwobi, responsabile Immigrazione del Carroccio, approda a Palazzo Madama

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
 Toni Iwobi, il primo senatore nero della storia della Repubblica italiana
Toni Iwobi, il primo senatore nero della storia della Repubblica italiana
P

robabilmente chi ha dato del razzista alla Lega durante la campagna elettorale appena conclusa, ora dovrà ricredersi. Il motivo è semplice: il primo senatore nero della storia della Repubblica Italiana è un militante del Carroccio. Si tratta di Tony Iwobi, responsabile Immigrazione del partito guidato da Matteo Salvini. Sono 25 anni che Iwobi milita tra le file del Carroccio, quando questo era ancora un partito secessionista e i cambiamenti imposti dall'attuale segretario sarebbero sembrati una lontanissima ipotesi. Ad annunciarne l'arrivo a Palazzo Madama, nella circoscrizione di Bergamo-Brescia, è lo stesso Iwobi tramite un post sul suo profilo Facebook.


Responsabile Immigrazione del Carroccio

Come riporta l'Agi, la nomina a responsabile Immigrazione del Carroccio risale a quattro anni fa, quando la Lega decise di istituire un dipartimento per la sicurezza e l'immigrazione. La scelta di Iwobi fu vista come una risposta a quella, avvenuta l'anno precedente, della congolese Cecile Kyenge come ministro dell'Integrazione nel governo Letta. Alla manifestazione contro l'operazione Mare Nostrum si presentò al mondo al grido "Stop invasione", uno slogan caro alla Lega che Iwobi ha anche sfoggiato, in diverse occasioni sulle sue felpe. Nessuna contraddizione: lo stesso Salvini, infatti, ha sempre replicato alle accuse di xenofobia affermando di volere il rimpatrio dei clandestini e di considerare "italiani" gli immigrati regolari. Ed è questo il caso del senator Iwobi, che vive nel Bel Paese da ormai 40 anni (ne ha 62). Il suo programma? "Ci sono due tipi di immigrazione: quella regolare, che ben venga, e quella clandestina che è reato ovunque tranne che in Italia. Perché importare nuovi poveri senza poter garantire loro un futuro?"


Contro lo ius soli

Nell'anno in cui venne scelto come responsabile Immigrazione del Carroccio, in un'intervista rilasciata a "Libero" ha spiegato perchè ha scelto di schierarsi con la Lega: "Per il federalismo; la Nigeria ha 36 Stati autonomi e confederati. È un progetto che funziona in Africa, perché non dovrebbe funzionare qui, che siamo nel primo mondo?". E aggiunse: "Mi sono fatto da solo, col sudore della fronte. L’integrazione è fatta di doveri, non solo di diritti. Il ministro Kyenge parla di ius soli? Una follia. Intanto un bambino italiano con due genitori stranieri sarebbe già un problema secondo me. Ma soprattutto ci sarebbe l’invasione di immigrate che verrebbero a partorire qui, solo per avere la cittadinanza automatica. Sarebbe un caos incontrollabile. E poi chi pagherebbe i servizi sociali per tutti questi nuovi concittadini, visto che non ci sono più soldi neppure per le famiglie italiane? Chi li manterrebbe, chi garantirebbe un futuro qui a tutti questi nuovi italiani? Qualcuno se l’è chiesto?".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...