LUNEDÌ 12 AGOSTO 2019, 15:57, IN TERRIS

IL RICORDO

Il massacro di Sant'Anna, 75 anni dopo

Una delle stragi più efferate della Seconda Guerra mondiale: 560 vittime innocenti, trucidate dalla follia umana

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il memoriale di Sant'Anna di Stazzema
Il memoriale di Sant'Anna di Stazzema
U

n giorno solenne di raccoglimento", lo ha definito il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Perché per quanto piccolo sia, il paese di Sant'Anna di Stazzema custodisce una delle ferite più grandi della storia del nostro Paese, una pagina di sangue che affonda le sue radici al periodo nazifascista della Seconda Guerra mondiale, quando la follia dell'uomo seppe concepire una delle stragi più cruente fra quelle perpetrate ai danni della popolazione civile. Cinquecentosessanta persone inermi assassinate, fra queste 130 erano bambini: un massacro deliberato, violento, insensato che segnò indelebilmente quella che, di lì in avanti, sarebbe stata la storia dell'Italia: "Non dovrà mai essere dimenticato quanto è accaduto - ha ricordato il Capo dello Stato - perché chi dimentica è più debole, più esposto ai pericoli che intolleranza, ostilità, violenza ripropongono". A Sant'Anna, quei 560 sono solo i morti accertati: quanti siano stati davvero nessuno lo saprà mai. L'unica cosa certa è che quel giorno si capì realmente quanto l'odio scellerato potesse far del male. Una furia cieca che non risparmiò nessuno, che spezzò la quiete della collina e dei vicoli con urla strazianti e ritmati colpi d'arma da fuoco.


Il massacro

Si credeva al sicuro Sant'Anna, perché "zona bianca" e perché, a ben vedere, in quei mesi le azioni della resistenza partigiana erano state contenute. Nel paese toscano si accoglievano i rifugiati, si prestavano cure, cercando di far scivolare le giornate allontanando il più possibile lo spettro dell'occupazione. Cambiò tutto alle prime luci del 12 agosto 1944, quando qualcuno gridò a tutti che i nazifascisti avevano iniziato la salita verso il centro abitato. Bastò poco: tre squadroni di SS, quelli del Battaglione Galler, raggiunsero rapidamente il paese, un altro chiuse la restante via d'uscita. In poche ore non c'era più scampo. Da quel momento in poi, l'azione dei nazifascisti assunse i tratti dell'orrore: rastrellamenti di massa, gente rinchiusa nelle cucine delle case o nei pressi della chiesa del paese e massacrata a colpi di mitra, incendi a ripetizione, case divorate dalle fiamme. Qualcuno si salvò miracolosamente, altri sopravvissero alle raffiche di proiettili per spirare poco dopo (come la piccola Anna, di appena 20 giorni di vita, la più giovane fra le vittime del massacro). Poche ore bastarono a trasformare il tranquillo borgo di Sant'Anna nell'ennesimo inferno di una guerra senza fine.


Un ricordo vivo

Settantacinque anni dopo, il ricordo resta e il dolore anche. Perché Sant'Anna vive ma quella ferita resterà per sempre: fra quei viali la vita pacifica di un paese di collina fu strappata via dalla più inaudita violenza, con una brutalità tale da lasciare una cicatrice che, ancora oggi, resta ben visibile sul volto del nostro Paese: "Sono esemplari la tenacia e la forza morale con cui la comunità di Sant'Anna - ha concluso Mattarella - ha saputo tenere vivo il ricordo, trasmetterlo ai più giovani, trasformare quella ferita profonda in un impegno di ricostruzione, di convivenza, di sviluppo democratico. E' questo lo spirito che ha animato l'Italia della Liberazione, della Costituzione, dell'affermazione dei diritti inviolabili. E' lo spirito dei fondatori dell'unità europea".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS

Le 5 criticità della Manovra

Non si può nascondere che la maggioranza sia un po’ in affanno e che la corsa verso la redazione e...
Le ambulanze della
TESTIMONIANZA

Nadia Toffa, la morte non ha l'ultima parola

Fondazioni, premi, ambulanze: quando l'impegno sociale diventa memoria condivisa
SOLIDARIETÀ

Roma-Robe, il ponte della misericordia

Presepe solidale della Comunità Missionaria di Villaregia in aiuto dell'Etiopia
EXPORT

Record storico: spumante supera champagne

Mai tante bollicine italiane esportate nel mondo (+ 9%). Ora la battaglia è sulle etichette Ue
Una foto del luogo dell'incidente in provincia di Venezia - Foto © Vigili del Fuoco / Ansa
ALLARME SOCIALE

Sempre più giovani vittime del sabato sera

Asaps: "In due mesi, morti in cinquanta". E c'è chi parla di strage
Igor Mitoraj, Cristo risorto, Basilica di Santa Maria degli Angeli, Roma

In Cristo, nasciamo uomini nuovi

"Sei tu colui che deve venire o dobbiamo aspettare un altro?" chiedono a Gesù i discepoli di Giovanni...
Imprese
IMPRESE

Il Lazio è la prima regione per crescita delle esportazioni

Il settore farmaceutico traina l'exoport nel terzo trimestre del 2019. Gli investimenti nella formazione e la sfida della...
Una sardina ai piedi della Basilica romana
LA MANIFESTAZIONE

Le Sardine conquistano Roma

Trentacinquemila persone, San Giovanni è invasa: "Abbiamo raggiunto l'obiettivo"
BRESCIA

Due ciclisti travolti e uccisi da un'auto

Nel milanese lo scontro tra una Opel e un autobus ha provocato tre feriti
I famosi
BARI

Traffico di falsi di Nino Caffè: 43 a giudizio

Sequestrate 21 opere attribuite falsamente al maestro e poi vendute come originali in internet
Papa Francesco
UDIENZA

Il Papa alle ausiliari diocesane: "In voi il dono della dedizione"

Il Santo Padre riceve le collaboratrici apostoliche di Padova e Treviso
La I° edizione del Premio
APPUNTAMENTI IN CALENDARIO

Premi e rassegne del Natale solidale

Dal progetto etico "Con il sole sul viso" ai Comuni che per le feste natalizie puntano sul volontariato: l'impegno...