SABATO 11 APRILE 2015, 003:02, IN TERRIS

IL GOVERNO VARA IL DEF. SPUNTA UN TESORETTO DA 1,6 MILIARDI

Il bonus sarà con ogni probabilità destinato al welfare. Renzi: "E' finito il tempo delle tasse da aumentare"

REDAZIONE
IL GOVERNO VARA IL DEF. SPUNTA UN TESORETTO DA 1,6 MILIARDI
IL GOVERNO VARA IL DEF. SPUNTA UN TESORETTO DA 1,6 MILIARDI
Il Consiglio dei ministri ha approvato il Documento di economia e finanza, dal quale spuntano nuove risorse per 1,6 miliardi di euro. Un tesoretto (anche se Renzi preferisce chiamarlo bonus) in realtà già scritto tra le righe nelle tabelle del Programma di stabilità. Per conoscerne la destinazione bisognerà però attendere ancora "qualche settimana", anche se qualcosa è già trapelato. O quantomeno può essere intuito dalle dichiarazioni di molti esponenti del Pd, da Roberto Speranza a Filippo Taddei a Cesare Damiano. Il premier le ha definite solo "ipotesi", ma la più accreditata è quella di un possibile intervento sul welfare. Magari con un sorta di 80 euro anche per gli incapienti, uno dei progetti a cui il governo ha sempre tenuto di più, ma che per carenza di risorse non è riuscito finora a realizzare. Oppure con una misura specifica sulla povertà e un equivalente del "reddito di cittadinanza" voluto dal Movimento 5 Stelle.

Certo il Def punta a spingere la crescita, con interventi sui cittadini. Renzi lo ribadisce: ''Non ci sono tasse nuove, anzi è finito il tempo delle tasse da aumentare. E' un punto fondamentale, chiaro, centrale per il Paese. Dobbiamo far sì che i sacrifici non li facciano più i cittadini, semmai qualche politico o amministratore a vari livelli". Il "bonusDef", come è stato ribattezzato su Twitter, arriva dal margine di manovra che il governo si è voluto volontariamente lasciare sul deficit di quest'anno. Il quadro tendenziale a legislazione vigente evidenzia infatti nel 2015 un rapporto deficit/Pil del 2,5%. Tuttavia, il quadro programmatico, quello cioè a cui punta l'esecutivo, riporta un indebitamento pari al 2,6%. Quello 0,1% equivale proprio a circa 1,5/1,6 miliardi di euro. La stessa cifra di cui - forse non casualmente - ha parlato poche settimane fa il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, annunciando entro giugno uno specifico ed autonomo "piano anti-povertà".

La destinazione delle risorse non è infatti materia di scelta immediata. "Non è nel Def che si decide", ha chiarito il presidente del Consiglio. Nel Documento quelle risorse vengono conteggiate e "rese disponibili" per quest'anno. Ma il loro impiego dovrebbe, ma anche qui il condizionale è d'obbligo, essere definito in un decreto ad hoc. Lo slittamento del cdm dalle 10 del mattino alle 8 di sera aveva creato particolare suspense. Un "giallo" che però sia Delrio in mattinata che lo stesso Renzi in serata hanno cercato di smontare. Le motivazioni del rinvio sarebbero infatti nella necessità di limare e correggere i testi fino all'ultimo prima del passaggio alle Camere. Intanto, il popolo della rete ha approfittato dell'hashtag #bonusdef per stilare la sua lista dei desideri: c'e' chi destinerebbe le risorse ad asili nido e al sostegno alla maternità, chi ai disabili e alle associazioni del terzo settore, chi alla ricerca, chi alla ricostruzione de L'Aquila, chi all'occupazione giovanile, chi all'edilizia popolare, alle partite Iva o alle famiglie. Tutti i settori di intervento che sono stati in qualche modo in questi mesi presi in considerazione dal governo, che, nella sua lista di desideri, ha pero' sempre indicato anche l'estensione degli 80 euro agli incapienti, rimasti fino ad oggi esclusi. La misura costerebbe tra 1,5 e 2 miliardi e potrebbe rientrare dunque tra le possibilita' in esame. Così come la concessione di un assegno "popolare" o di "inclusione" per i poveri, che - in clima pre-elettorale - permetterebbe di sorpassare a sinistra sia i 5 Stelle che la minoranza Pd legata a Pippo Civati e al suo "reddito minimo".

Dopo le rassicurazioni arrivate ai Comuni, intanto, anche le Regioni sono scese in campo chiedendo un incontro al governo subito dopo l'approvazione del Documento. Renzi ha ribadito che di tagli agli enti locali nel Def non ce ne sono, cosi' come non compare alcun aumento delle tasse, ma se sarà necessario un incontro ci sarà. Quello che nel Documento invece c'e', ma che andrà via via assottigliandosi e' la lista delle riforme: la p.a., che pero' "sparirà", la legge elettorale "che però sparirà", il fisco, anche questo destinato a scomparire. Martedi' 21 aprile, ha annunciato infine il premier, arriveranno infatti in cdm la prima tranche di decreti fiscali, seguiti dalla seconda a giugno.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il sistema Kepler 90 e il nostro a confronto:
KEPLER

Scoperto il gemello del Sistema Solare

Formato da otto pianeti, dista 2.545 anni luce
Polizia
OSTIA

Arrestati ex dirigente del Municipio e due imprenditori

Accusati di corruzione, abuso d’ufficio, falsità ideologica e millantato credito
MEDICI E VETERINARI

Nuovo sciopero a febbraio

Fermi i giorni 8 e 9. Sindacati: "La sanità pubblica è in emergenza"
Il premier Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Dublino e relocation scogli in discussione Ue"

Lo ha detto il premier italiano dal summit europeo di Bruxelles
L'esito del voto sul Biotestamento (Lapresse)

Congiura contro la vita

Il cupo sodalizio tra Pd e Movimento 5 stelle sul fine vita ha determinato al Senato della Repubblica...
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Nessun favoritismo, non mi dimetto"

Il sottosegretario ospite a 'Otto e mezzo'. Scontro con Travaglio: "Fossi stata uomo non mi avrebbe tratta...
Andrea La Rosa
ANDREA LA ROSA

Ex calciatore ucciso: fermati madre e figlio

Il corpo era nel bagagliaio dell’auto guidata da Antonietta Biancaniello
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"