GIOVEDÌ 25 LUGLIO 2019, 20:39, IN TERRIS


MIGRANTI

I calcoli politici e l'indifferenza dell'Europa uccidono più delle onde del mare

Don Buonaiuto: "Istituire corridoi umanitari sistematici e continuativi"

MANUELA PETRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"I

l calcolo politico e l'indifferenza di tutta l'Europa uccidono più delle onde del Mediterraneo". E' quanto ha denunciato don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità Papa Giovanni XXIII fondatore del quotidiano online In Terris, dalle pagine del sito online di Famiglia Cristiana. Il sacerdote si riferisce alla nuova tragedia che si è verificata al largo della Libia dove due barconi sono affondati. A bordo di quelle che vengono definite "carrette del mare" c'erano circa 300 persone, 150 delle quali sarebbero morte. La notizia è stata resa nota da Charlie Yaxley, portavoce dell'Agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr)


Istituire corridoi umanitari sistematici e continuativi

"La nuova tragedia in mare ci addolora e ci deve scuotere profondamente senza far finta che non ci riguardi. Questo dramma conferma che senza una gestione concertata dei flussi migratori non è possibile scongiurare l'Olocausto nel Mediterrano di cui parla incessantemente Papa Francesco - ribadisce il sacerdote - L'unico modo per impedire che il canale di Sicilia si trasformi sempre più in una bara d'acqua è istituire corridoi umanitari sistematici e continuativi, che tolgano ai trafficanti di carne umana la loro fonte di crudele arricchimento". 


Le istituzioni cooperino nella lotta contro i trafficanti

Per don Buonaiuto, è di vitale importanza che l'Unione europea, l'Onu e i governi di entrambe le sponde del Mediterraneo cooperino "per lottare con ogni mezzo contro i trafficanti, bloccare alla aprtenza chi non ha i requisiti per ottenere asilo, ma soprattutto soccorrere chi sta annegado". "La Chiesa è presente nei Paesi di orgine, di transito e di destinazione, quindi ha esperienza e conoscenza perché si possa intensificare ogni forma di collaborazione con gli Stati che può fare fronte ad un numero di sbarchi tutto sommato limitato rispetto ad altre estati - sottolinea - Purtroppo mentre nelle nazioni europee si discute di accoglienza, nel mare si continua a morire". 


Una Giornata Internazionale del Migrante Ignoto

Per non dimenticare chi muore in mare, per far sì che nessuno si volti più dall'altra parte facendo finta di non vedere cosa succede alle porte della sua casa, proprio dalle pagine di In Terris, don Aldo Buonaiuto ha lanciato una petizione - indirizzata a Sua Santità Papa Francesco, al segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, al presidente del Parlamento europeo David Sassoli, e al premier italiano Giuseppe Conte - affinché venga istituita una Giornata Internazionale del Migrante Ignoto. "Ad una questione sovranazionale non si può rispondere con misure nazionali - ha spiegato a Famiglia Cristiana - I nostri fratelli che scompaiono nel Mediterraneo hanno i nostri stessi diritti di vedersi riconosciute dignità e umanità. Invece oggi il loro valore non viene riconosciuto nemmeno dopo la scomparsa e i loro familiari non hanno neppure una lapide su cui poter deporre un fiore. Ormai l’opinione pubblica è talmente assuefatta a queste tragedie che quasi non fanno più notizia, perciò o impariamo a riconoscerci in questi drammi infiniti oppure dovremo renderne conto a Dio e alla storia. L’Europa del rigore finanziario e del libero commercio se c’è batta un colpo".

 

 

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Mercantile in porto
MERCATO DEL LAVORO

L’economia del mare a quota 200 mila imprese

Alla giornata nazionale della Blue economy (24-26 ottobre) le aziende del settore marittimo si incontrano a Formia e Gaeta
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
Papa Francesco durante l'Udienza - Foto © Vatican Media
UDIENZA GENERALE

Il Papa: "L'evangelizzatore favorisce l'incontro di cuori"

Il Santo Padre continua la sua catechesi sugli Atti degli Apostoli
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Boris Johnson
REGNO UNITO

Johnson arretra sul backstop, Brexit verso l'accordo

Il premier avrebbe accettato la condizione di Bruxelles, sganciando Belfast dal nuovo mercato britannico
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli