MARTEDÌ 09 LUGLIO 2019, 11:15, IN TERRIS


VENEZIA

Grandi navi, Toninelli: "Presi provvedimenti decisivi"

"Brugnaro straparla: Marghera non è mai esistito come progetto. Soluzione sciagurata"

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Il passaggio in piazza San Marco
Il passaggio in piazza San Marco
I

l ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, interviene a proposito delle grandi navi a Venezia, dopo lo sbandamento della nave da crociera di Costa avvenuto ieri e l'incidente - fortunatamente senza vittime - causato da un'altra cruise, la "Opera" di Msc, che ha urtato un battello gran turismo nei pressi del molo di San Basilio.


Grandi navi

"I provvedimenti che abbiamo già preso sono stati decisivi" e "il rimorchiatore ha probabilmente evitato una collisione" ha commentato in un'intervista al Corriere della Sera Toninelli in merito allo sbandamento avvenuto poco dopo il bacino San Marco mentre sulla città lagunare infuriava una burrasca di grandine e vento. "Prestissimo - assicura il ministro - avrete novità sia rispetto alla soluzione temporanea sia sulla scelta del progetto definitivo per il terminal crocieristico. Abbiamo due studi di fattibilità da noi commissionati - sottolinea - ogni opzione può avere pregi e difetti, stiamo valutando. Di certo, abbiamo registrato con favore come Chioggia abbia il sostegno sia dell'industria crocieristica che delle popolazioni locali. In ogni caso, dopo anni di inerzia abbiamo avviato un percorso che porterà via le grandi navi dalla Giudecca e da San Marco". "L'obiettivo, spiega, "con il nuovo porto croceristico" è di impedire il passaggio a tutte le navi "sopra le 40 mila tonnellate. Nel frattempo lavoriamo a una riduzione graduale. In ogni caso, daremo ai veneziani una prospettiva certa dopo anni in cui i 'bravi' della politica non hanno dato risposta alcuna". In merito alla proposta del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, per il quale la soluzione migliore sarebbe quella di far passare le grandi navi a Marghera, la cui annessa zona industriale è una delle più importanti del genere in Italia, Toninelli replica: "Straparla. Marghera non è mai esistito come progetto. E comunque è una soluzione sciagurata sul piano ambientale e pericolosissima dal punto di vista della sicurezza".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La parrocchia di don Jacques Hamel
ANNIVERSARIO

Saint-Étienne ricorda Padre Jacques Hamel

Il calendario delle iniziative per commemorare il sacerdote ucciso dai terroristi
Bruno Siciliano, docente della Federico II e alle spalle il robot RoDyMan

A Ravello prova di cyber-orchestra

Dal podio il robot RoDyMan dirige il concerto delle Conservatorio “Martucci”
Il presidente dimissionario dell'Anac, Raffaele Cantone
POTERE GIUDIZIARIO

Cantone lascia l'Anac

L'annuncio del Presidente in una lettera: "L'Autorità ha ricevuto riconoscimenti internazionali, ma è...
Il grattacielo della Regione Piemonte
INCHIESTA

Grattacielo Regione Piemonte: 10 indagati

Notificato l'avviso di chiusura indagini per l'inchiesta sulla nuova sede regionale
NERA

Calabria: duplice omicidio a Corigliano Rossano

Sul delitto indaga Eugenio Facciola, Procuratore di Castrovillari
Baby gang
MONZA E BRIANZA

Sgominata baby gang: rapinavano i compagni di scuola

Contesti familiari problematici, sui social si ritraevano con pistole e passamontagna
INDAGINE

Foggia: operazione "Madrepatria", un sindaco ai domiciliari

La pubblica accusa ipotizza gravi reati, tra questi la corruzione
Stress da caldo nelle piante
TROPICALIZZAZIONE

Coldiretti: "Troppo caldo, a rischio ortaggi e frutta"

"Oltre 14 miliardi di euro di costi in perdite e danni in un decennio"
La palazzina andata distrutta
PORTOFERRAIO

Esplode casa all'Isola d'Elba: 1 morto

Tre persone sono state estratte vive, ma ferite. Una donna è dispersa
Sostanze stupefacenti
SICILIA

Maxi operazione antidroga a Enna

Azzerata l'attività di spaccio in Piazza Armerina con decine di arresti