LUNEDÌ 24 AGOSTO 2015, 13:11, IN TERRIS

FUNERALE CASAMONICA, OGGI A ROMA VERTICE SULLA SICUREZZA

Il comitato è stato convocato dal prefetto della Capitale, Franco Gabrielli

AUTORE OSPITE
FUNERALE CASAMONICA, OGGI A ROMA VERTICE SULLA SICUREZZA
FUNERALE CASAMONICA, OGGI A ROMA VERTICE SULLA SICUREZZA
Continua a imperversare su Roma la polemica scaturita in seguito al sontuoso funerale di Vittorio Casamonica, il boss del clan degli zingari che opera soprattutto nella periferia sud-est della Capitale. Il passaggio della sfarzosa carrozza, il volo dell'elicottero che ha cosparso di petali di rosa la zona e il gigantesco manifesto appeso sulla facciata della chiesa, hanno fatto in breve tempo il giro del mondo. Molti dei giornali internazionali - ma anche i locali - hanno criticato le autorità italiane. L'estraneità ai fatti delle forze dell'ordine su tutti i livelli, fino al vertice, hanno indignato più di un esponente della politica italiana, tra di questi anche il Movimento 5 Stelle che è tornato a chiedere le dimissioni del Sindaco di Roma, Ignazio Marino, e del ministro dell'interno, Angelino Alfano.

Proprio per evitare che situazioni simili si ripetano, si svolgerà oggi pomeriggio a Roma, un comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica convocato dal prefetto della Capitale, Franco Gabrielli. Dopo aver chiesto chiarimenti a questura, carabinieri, polizia municipale e Campidoglio, Gabrielli ha consegnato nella giornata di sabato, una relazione al ministro dell'Interno Angelino Alfano. Il titolare del Viminale ha apprezzato l'iniziativa presa dal prefetto ma ha anche esortato i partecipanti "ad assumere le decisioni necessarie per governare al meglio situazioni di questo genere, potenziando la circolarità dei flussi di comunicazione a livello locale, perché quanto è avvenuto non accada mai più".

Lo scopo del Comitato è proprio quello di fissare regole e avrà funzione di coordinamento e decisione. A questo nuovo organo dovranno essere riportate tutte le informazioni di eventi relativi a persone "sensibili" per l'ordine pubblico. Intanto per ciò che è accaduto lo scorso giovedì 20 agosto, non ci sarà nessun provvedimento. Tutti i funzionari resteranno al loro posto e, secondo quanto ha garantito l'assessore capitolino alla legalità Alfonso Sabella, anche i vigili presenti sono stati scagionati, in quanto non hanno realizzato nessuna scorta alla carrozza del boss, ma sono intervenuti solo per regolare il traffico su segnalazione dei cittadini. L'unico che è stato raggiunto da un provvedimento è il pilota dell'elicottero che - senza essere in possesso di alcuna autorizzazione - ha sorvolato la zona del funerale, lanciando petali di rosa. Infatti l'Enac ha deciso di sospendergli la licenza.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)
Vittorio Emanuele III

Il ritorno del Re

Vittorio Emanuele III tornerà dall'esilio e la sua salma sarà trasferita da Alessandria...
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
Reliquia della Beata Anna Maria Adorni
VATICANO

Presentato il nuovo documento sulle reliquie

Pubblicato dalla Congregazione delle Cause dei Santi
SIRIA

La Russia accusa gli Usa: "Addestrano terroristi"

750 miliziani in un campo profughi nel Nord-Est della Siria
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"