SABATO 09 FEBBRAIO 2019, 11:35, IN TERRIS


GIORNO DEL RICORDO

Foibe, Mattarella: "No al riduzionismo"

Il capo dello Stato ricorda la tragedia degli italiani del confine orientale: "Non fu ritorsione per i crimini del fascismo"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mattarella parla alla celebrazione del Giorno del Ricordo
Mattarella parla alla celebrazione del Giorno del Ricordo
"C

elebrare questa giornata significa rivivere una grande tragedia italiana, vissuta allo snodo tra la fine della seconda guerra mondiale e l'inizio della guerra fredda". Così Sergio Mattarella, presidente della Repubblica, nel corso del suo intervento alla celebrazione del Giorno del Ricordo avvenuta al Quirinale.


Mattarella: "Propaganda comunista contro gli esuli"

Il capo dello Stato ha ricordato il destino crudele che ha accomunato molti popoli dell'Est Europa in quegli anni, quello di passare "dall'oppressione nazista a quella comunista" sperimentando sulla propria pelle "tutto il repertorio tragico dei regimi totalitari". Mattarella non ha esitato a ricordare che, prima dell'invasione dei partigiani titini, quelle terre conobbero "l'oppressione del fascismo verso la minoranza jugoslava". Ma ha voluto precisare: "Non si trattò, come qualche storico riduzionista ha voluto insinuare, di una ritorsione ai crimini del fascismo, perché tra le vittime italiane (dei partigiani titini, ndr) vi furono molte persone che nulla avevano a che fare con i fascisti e con la loro persecuzione". Il presidente della Repubblica ha denunciato che nei confronti degli esuli "la macchina dell'accoglienza e dell'assistenza si mise in moto con lentezza, specialmente durante i primi anni", perché "certa propaganda legata al comunismo internazionale dipingeva gli esuli come traditori, come nemici del popolo che rifiutavano l'avvento del regime comunista, come una massa indistinta di fascisti in fuga". Ma - ha detto - "non era così, erano semplicemente italiani". E - ha aggiunto - "soltanto dopo la caduta del muro di Berlino, una paziente ricerca storiografica ha fatto piena luce sulla tragedia delle foibe e sul successivo esodo, restituendo questa pagina di storia strappata all'Italia.


L'importanza dell'Europa

"Oggi - in quei territori, da sempre punto di incontro di etnie, lingue, culture, con secolari reciproche influenze - non ci sono più cortine, né frontiere, né guerre - ha sottolineato il capo dello Stato - oggi la città di Gorizia non è più divisa in due dai reticolati. Al loro posto c'è l'Europa, spazio comune di integrazione, di dialogo, di promozione dei diritti, che ha eliminato al suo interno muri e guerre. Oggi popoli amici e fratelli collaborano insieme nell'Unione Europea per la pace, il progresso, la difesa della democrazia, la prosperità". Dunque - ha proseguito - "questi crimini non potranno più ripetersi nell'Europa unita", perché "l'ideale europeo è un faro del diritto", che tuttavia "va protetto dalle insidie contemporanee, come le guerre commerciali, il fondamentalismo di matrice islamista, l'autoritarismo".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un bus Atac a Roma
VIA BOCCEA

Baby gang aggredisce autista dell'Atac

Il gruppetto di giovani aveva azionato la leva di emergenza, denunciato un 17enne
Falso
MARCHI TAROCCATI

GdF: falso "Made in Italy", 66 denunce

L'allarme Coldiretti: "58% delle frodi a tavola, la concorrenza sleale fa crollare i prezzi"
Friday for Future

Custodire la nostra casa Terra

E'stato programmato il primo sciopero globale della storia con circa 150 paesi della Terra, per la tutela del clima...
Il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio
ELEZIONI

Regionali Umbria, Rousseau dice sì al patto civico

La base grillina ha espresso la sua preferenza con il 60% di voti favorevoli
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
Uno degli atolli di Kiribati
OCEANIA

Kiribati, la battaglia per il clima dell'arcipelago che affonda

I giovani gilbertesi al fianco di Greta contro il riscaldamento globale che rischia di accelerare la scomparsa della loro terra
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Manifesto con simboli politici

Vino nuovo in nuovi otri

In un mese e mezzo la politica italiana è stata fortemente modificata da eventi rapidissimi che hanno sortito...
Papa Francesco con un bambino malato - Foto © L'Eco di San Gabriele

Chi ha paura di Papa Francesco?

Se i social fossero uno specchio veritiero della realtà, dovrebbe esserci uno scisma al giorno. E invece,...