SABATO 09 FEBBRAIO 2019, 11:35, IN TERRIS

GIORNO DEL RICORDO

Foibe, Mattarella: "No al riduzionismo"

Il capo dello Stato ricorda la tragedia degli italiani del confine orientale: "Non fu ritorsione per i crimini del fascismo"

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mattarella parla alla celebrazione del Giorno del Ricordo
Mattarella parla alla celebrazione del Giorno del Ricordo
"C

elebrare questa giornata significa rivivere una grande tragedia italiana, vissuta allo snodo tra la fine della seconda guerra mondiale e l'inizio della guerra fredda". Così Sergio Mattarella, presidente della Repubblica, nel corso del suo intervento alla celebrazione del Giorno del Ricordo avvenuta al Quirinale.


Mattarella: "Propaganda comunista contro gli esuli"

Il capo dello Stato ha ricordato il destino crudele che ha accomunato molti popoli dell'Est Europa in quegli anni, quello di passare "dall'oppressione nazista a quella comunista" sperimentando sulla propria pelle "tutto il repertorio tragico dei regimi totalitari". Mattarella non ha esitato a ricordare che, prima dell'invasione dei partigiani titini, quelle terre conobbero "l'oppressione del fascismo verso la minoranza jugoslava". Ma ha voluto precisare: "Non si trattò, come qualche storico riduzionista ha voluto insinuare, di una ritorsione ai crimini del fascismo, perché tra le vittime italiane (dei partigiani titini, ndr) vi furono molte persone che nulla avevano a che fare con i fascisti e con la loro persecuzione". Il presidente della Repubblica ha denunciato che nei confronti degli esuli "la macchina dell'accoglienza e dell'assistenza si mise in moto con lentezza, specialmente durante i primi anni", perché "certa propaganda legata al comunismo internazionale dipingeva gli esuli come traditori, come nemici del popolo che rifiutavano l'avvento del regime comunista, come una massa indistinta di fascisti in fuga". Ma - ha detto - "non era così, erano semplicemente italiani". E - ha aggiunto - "soltanto dopo la caduta del muro di Berlino, una paziente ricerca storiografica ha fatto piena luce sulla tragedia delle foibe e sul successivo esodo, restituendo questa pagina di storia strappata all'Italia.


L'importanza dell'Europa

"Oggi - in quei territori, da sempre punto di incontro di etnie, lingue, culture, con secolari reciproche influenze - non ci sono più cortine, né frontiere, né guerre - ha sottolineato il capo dello Stato - oggi la città di Gorizia non è più divisa in due dai reticolati. Al loro posto c'è l'Europa, spazio comune di integrazione, di dialogo, di promozione dei diritti, che ha eliminato al suo interno muri e guerre. Oggi popoli amici e fratelli collaborano insieme nell'Unione Europea per la pace, il progresso, la difesa della democrazia, la prosperità". Dunque - ha proseguito - "questi crimini non potranno più ripetersi nell'Europa unita", perché "l'ideale europeo è un faro del diritto", che tuttavia "va protetto dalle insidie contemporanee, come le guerre commerciali, il fondamentalismo di matrice islamista, l'autoritarismo".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il giudice Paolo Adinolfi
DELITTO DELL'OSTIENSE

Giudice Adinolfi, il giallo della scomparsa

Il figlio Lorenzo: "Basta omertà, subito la riapertura delle indagini"
Filippo Magnini
NUOTO

Il Tas assolve Magnini: via la squalifica per doping

L'ex nuotatore, due volte campione del mondo, scagionato dalle accuse di tentato uso di sostanze dopanti
La nave da crociera Msc
CROCIERA MSC

Proteste a Cozumel per lo sbarco della nave Msc

L'ok del Messico dopo i "No" di Giamaica e isole Cayman per un caso di influenza a bordo
SUICIDIO ASSISTITO

Choc in Germania: per i giudici togliersi la vita è un diritto

La Corte Costituzionale ha deciso di annullare l'articolo 217 del Codice penale che vietava la possibilità alalle...
Edificio scolastico distrutto dalle bombe
SIRIA

Unicef: "Basta bombardare le scuole a Idlib"

Nell'attacco a 10 scuole sono stati uccisi 12 civili tra bambini e insegnanti
Incendio a Strasburgo
FRANCIA

Incendio in un edificio a Strasburgo: il bilancio

La polizia ha fermato due uomini per "verifiche" realtive al rogo
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il paradosso degli agriturismi

Sono le strutture ricettive più sicure perché lontane dagli affollamenti, eppure le prenotazioni si sono dimezzate...
CORONAVIRUS

Oms: "Per la prima volta più contagi all'estero che in Cina"

Sono 427 contro i 411 cinesi. Primi contagi in Danimarca, Romania ed Estonia
TERREMOTO

Sisma magnitudo 3 nel Golfo di Salerno: la situazione

Tremano anche le Eolie e la Calabria: al momeno non risultano danni a persone o cose
PER USCIRE DALLA CRISI

La ripresa affidata alle start up innovative

In Italia sta funzionando la modalità di costituzione digitale e gratuita delle nuove imprese con pratiche rapide ed...
Etichetta alimenatre

"Spesso buono oltre": la data di scadenza contro lo spreco alimentare

Lidl introduce la nuova etichetta che accompagnerà "Da consumare preferibilmente entro"
Roseto degli Abruzzi
CORONAVIRUS

Primo caso positivo in Abruzzo: è un turista brianzolo

La conferma del contagio arriverà solo con gli esiti del secondo esame dello Spallanzani
Anziano in ospedale
GERMANIA

Chiesa cattolica ed evangelica contro gli aiuti al suicidio

La sentenza Corte costituzionale riapre la possibilità della pubblicità suicidale
Il luogo della sparatoria
WISCONSIN | USA

Sparatoria a Milwaukee, 6 morti tra cui l'aggressore

L'uomo ha ucciso 5 dipendenti e si è suicidato. Trump: "Assassino cattivo"
Bimbo in strada in Giappone
CORONAVIRUS

Cina, decessi minimi da gennaio: ieri 29 morti

In Corea del Sud quasi 1600 contagi. Il Giappone chiude le scuole
Il neonato ricoperto dal padre di banconote
CATANIA E SIRACUSA

Mafia: chiuse 3 piazze di spaccio, 6 arresti

I proventi dello spaccio servivano a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi