VENERDÌ 15 FEBBRAIO 2019, 22:24, IN TERRIS


ITALIA-FRANCIA

Faccia a faccia Mattarella-Masset

L'ambasciatore francese ricevuto in Quirinale: "Tutto si può affrontare con il dialogo". Il Capo di Stato andrà a Parigi

REDAZIONE
L'ambasciatore Masset con il Presidente Mattarella
L'ambasciatore Masset con il Presidente Mattarella
D

opo la telefonata con Emmanuel Macron, utile ad appianare i toni del contenzioso fra Italia e Francia, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è sceso in campo personalmente nella vicenda della risoluzione dell'attrito fra i due Paesi, ricevendo al Quirinale l'ambasciatore francese Christian Masset, appena rientrato a Roma dopo essere stato richiamato a Parigi, episodio che di fatto aveva dato il la alla momentanea crisi diplomatica fra i due governi. Il che, in sostanza, significa che la presidenza della Repubblica ha giocato il ruolo più importante nella risoluzione dell'impasse, dapprima confrontandosi con l'Eliseo e, in secondo luogo, favorendo il rientro a Roma dell'ambasciatore, incontrato poi per un colloquio volto alla distensione definitiva dei toni. A conferma di questo, Mattarella ha accettato l'invito del presidente Macron a recarsi in Francia per una visita.

 

 


Masset: "Pronti a lavorare"

Dal Colle, per ora, non sono arrivate dichiarazioni in merito, mentre il discorso è stato affrontato dallo stesso Masset in conferenza stampa: "Il presidente della Repubblica Macron e tutti i ministri del governo francese che ho incontrato in questi giorni di consultazioni a Parigi mi hanno ribadito quanto sia importante per loro la relazione tra Francia e Italia". L'ambasciatore torna anche sugli attriti recenti, spiegando che "non neghiamo che ci siano delle divergenze o dei disaccordi su alcuni temi ma tutto si può affrontare nel dialogo e nel rispetto reciproco. Siamo pronti a lavorare su tutti i temi nell'interesse dei nostro due Paesi". A ogni modo, Masset ha confermato che, nonostante l'intoppo, i rapporti fra Italia e Francia non si sono mai interrotti, anzi, ha ricordato appuntamenti come il confronto sulla questione latitanti.


Le reazioni

Allarme rientrato dunque, visto che anche i due vicepremier hanno deciso di smorzare (parzialmente) i toni polemici impiegati nei giorni scorsi nel confronto a distanza con i francesi. Per Di Maio c'è apertura al "dialogo ma non con chi parla di guerra civile", mentre il collega Salvini ha fatto sapere di essere "contento per la polemica chiusa", ribadendo subito, però, che "adesso rinnovo la richiesta d'incontro con il ministro francese agli Interni, con l'obiettivo di riportare in italia alcuni dei 15 terroristi latitanti da anni in Francia". La stessa ricordata anche dall'ambasciatore: segno che qualcosa potrebbe muoversi da entrambe le parti verso un'unica direzione.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Sergio Mattarella
QUIRINALE

Via della Seta: Mattarella dice sì

Il capo dello Stato: "Accordo importante anche sul piano culturale". Ma invita anche a tutelare la sicurezza
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia