LUNEDÌ 27 APRILE 2015, 14:01, IN TERRIS

EXPO 2015, MATTARELLA: "GRANDE OCCASIONE PER IL PAESE"

Il presidente della Repubblica ha parlato di "opportunità preziosa". "Ammodernare l'Italia è la sfida da vincere"

DANIELE VICE
EXPO 2015, MATTARELLA:
EXPO 2015, MATTARELLA: "GRANDE OCCASIONE PER IL PAESE"
"Una grande occasione e un'opportunità preziosa per il sistema Paese". A pochi giorni dall'apertura di Expo il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha sottolineato ancora una volta l'importanza della manifestazione milanese. Il capo dello Stato -intervenendo al Quirinale in occasione della "Giornata Qualità Italia" - ha poi spiegato che "garantire cibo e acqua a tutti i popoli, salvaguardando l'equilibrio dell'ambiente e offrendo uno sviluppo sostenibile, è un impegno di portata epocale che sarà posto all'interno dell'Esposizione italiana".

L'occasione ha consentito a Mattarella anche di fare il punto sullo sviluppo. "Tutti - ha evidenziato -devono fare la loro parte per vincere la sfida e ammodernare il Paese. Deve farlo la pubblica amministrazione mettendo a sistema le le proprie intelligenze, mantenendosi ancorata ai principi della Costituzione e adeguandosi rapidamente alle pompe potenzialità e alle sensibilità dei cittadini che chiedono trasparenza semplicità degli adempimenti, coerenza nelle decisioni". Ma un ruolo importante, in questa direzione, deve svolgerlo la politica "a tutti livelli, operando scelte che favoriscano lo sviluppo e diano priorità al lavoro. Ancor più alla politica tocca colpire la corruzione, responsabile di oneri e di alterazioni di competitività intollerabili per il paese per il sistema delle imprese".

Mattarella ha sottolineato l'importanza di "ridurre le lungaggini burocratiche, contrastare l'illegalità, combattere senza riserve le mafie". Ma anche la società deve "sostenere questo impegno di ammodernamento del Paese: con una cittadinanza attiva che quando è necessario stimoli, integri, corregga l'azione delle pubbliche istituzioni".

Per quanto riguarda la crisi economica Mattarella ha posto l'accento su "alcuni segnali di fiducia e indicatori congiunturali positivi. La maggiore competitività degli scambi in euro, le misure adottate dalla Banca centrale europea, la tendenziale riduzione del prezzo del petrolio aprono spazi maggiori all'iniziativa". Il Presidente ha poi promosso lo sforzo del governo sull'export che va potenziato per dare un "ulteriore aiuto al Paese così come un incremento dei consumi interni".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"