MERCOLEDÌ 06 MAGGIO 2015, 008:30, IN TERRIS

DUE ANNI FA SCOMPARIVA GIULIO ANDREOTTI

L'ex capo del governo moriva il 6 maggio 2013 a 94 anni. La sua carriera politica è stata costellata di luci e ombre

LUCA LA MANTIA
DUE ANNI FA SCOMPARIVA GIULIO ANDREOTTI
DUE ANNI FA SCOMPARIVA GIULIO ANDREOTTI
"A pensar male si commette peccato ma quasi sempre ci si prende" era la sua battuta preferita e, in un certo senso, quella che meglio gli si addiceva. Perché di Giulio Andreotti se ne sono dette tante, alcune (purtroppo) vere, altre verosimili, altre, infine, totalmente infondate. A raccontarne vita, carriera e vicende controverse non basterebbe una biblioteca. Così oggi, a due anni dalla scomparsa, ci limitiamo ai passaggi cruciali. Nasce a Roma il 14 gennaio 1919 e cresce in una umile famiglia cattolica, corporatura fragile, frequenti emicranie originate da un possibile deperimento organico. Quando svolge la visita militare il medico gli dà non più di sei mesi di vita. "Quando divenni ministro - raccontò Andreotti a Oriana Fallaci - lo chiamai ma nel frattempo era morto lui!".

L'avventura politica inizia tra i banchi della facoltà di Giurisprudenza, Andreotti fa parte della Federazione Universitaria Cattolica, l'unica ammessa dal fascismo, e dirige Azione Fucina, giornale di riferimento del gruppo. Un giorno gli dicono che De Gasperi in persona lo voleva a lavorare per lui. E' il principio di un impegno durato più di 70 anni. Dopo la guerra Andreotti fa parte dell'assemblea Costituente ed è il più giovane ministro degli Interni della storia, a soli 34 anni. E' il primo incarico di un lungo cursus honorum: 7 volte presidente del Consiglio, 8 ministro della Difesa, 5 volte agli Esteri, 3 alle Partecipazioni Statali, 2 a Industria, Finanza e Bilancio, 1 volta a Tesoro, Cultura e Politiche Comunitarie. Un recordman dai molti soprannomi: "Divo Giulio", "Grande A", "Prima Lettera dell'alfabeto", "Gobbo" e molti altri.

Molte le vicende controverse che lo hanno riguardato: l'uccisione del suo uomo in Sicilia, Salvo Lima, dei corleonesi comincia a sollevare sospetti sui presunti rapporti tra la mafia e la sua corrente politica. Voci che sembrano trovare conferma nelle parole di tre pentiti: Leonardo Messina, Giovanni Brusca e, soprattutto, Baldassarre Di Maggio che, in sostanza, lo accusano di avere rapporti stabili con Cosa Nostra, anzi, il primo dei tre si spinge oltre, descrivendolo come un vero e proprio uomo d'onore. Il successivo processo, pur confermando rapporti e relazioni con uomini dei clan almeno sino al 1980, si conclude con la prescrizione. Assoluzione totale invece per il caso Pecorelli, il giornalista ucciso il 20 marzo 1979 mentre stava preparando un'inchiesta scottante proprio su Andreotti e la Dc. Vicende che, assieme alla sua riservata vita privata, alla sua diabolica precisione, alla sua memoria, hanno reso agli occhi degli italiani Andreotti come il depositario di tutti i segreti dello Stato. Famosa la battuta di Beppe Grillo "quando morirà togliamogli dalla gobba la scatola nera". Peccato che, come in tutti i più misteriosi disastri aerei, non sia stata ancora trovata.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"