VENERDÌ 10 APRILE 2015, 11:49, IN TERRIS

DOPO DELRIO, CLAUDIO DE VINCENTI NOMINATO SOTTOSEGRETARIO

La decisione è stata ratificata dal Cdm di questa mattina. Professore di Economia ha collaborato con i governi Amato e D'Alema

REDAZIONE
DOPO DELRIO, CLAUDIO DE VINCENTI NOMINATO SOTTOSEGRETARIO
DOPO DELRIO, CLAUDIO DE VINCENTI NOMINATO SOTTOSEGRETARIO
Claudio De Vincenti è stato nominato sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Nella riunione delle 10 del Consiglio dei ministri, in cui Matteo Renzi ha presieduto e il ministro Maria Elena Boschi ha fatto da segretario, il premier, "dopo aver ringraziato per il lavoro svolto l'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri Graziano Delrio - si legge in una nota ufficiale - , ha formulato la proposta di nomina a sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri di Claudio De Vincenti, con le funzioni di segretario del Consiglio medesimo. Il Consiglio dei ministri ha condiviso la scelta del presidente Renzi e il sottosegretario De Vincenti ha prestato giuramento ed assunto le proprie funzioni".

De Vincenti è professore di economia politica alla Sapienza di Roma e collabora con il sito di economia Lavoce.info. In passato, tra il 1998 e il 2001, è stato consulente economico per i governi di Massimo D'Alema e Giuliano Amato. Nel suo curriculum spicca la sua presenza nel comitato esecutivo della fondazione Nens, che fa capo all'ex segretario del Pd Pier Luigi Bersani e all'ex ministro Vincenzo Visco. È autore di numerose pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e italiane e di diversi volumi: la sua prima pubblicazione, che risale al 1978, aveva per oggetto l'influenza di Marx sul pensiero dell'economista Piero Sraffa.

E' stato presidente del Comitato Scientifico dell'Osservatorio Prezzi del Ministero delle Attività produttive, coordinatore del Consiglio Tecnico Scientifico dell'Osservatorio sulla Famiglia presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, membro del Consiglio di Amministrazione dell'Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) A capo della dirigenza di Palazzo Chigi Renzi ha invece voluto Paolo Aquilanti, un "grand commis" dello Stato che ha lavorato a lungo come funzionario del Senato. Aquilanti è stato voluto da Maria Elena Boschi come suo braccio destro al ministero delle Riforme, dove si è occupato del dossier della legge elettorale aiutando il giovane ministro a evitare le insidie delle aule parlamentari.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"