GIOVEDÌ 23 APRILE 2015, 000:01, IN TERRIS

DIVORZIO BREVE, OK DEFINITIVO DELLA CAMERA: BASTANO 6 MESI PER DIRSI ADDIO

Approvate in via definitiva le norme che riducono i tempi per la procedura di separazione e fine ufficiale del matrimonio

HORTENSIA HONORATI
DIVORZIO BREVE, OK DEFINITIVO DELLA CAMERA: BASTANO 6 MESI PER DIRSI ADDIO
DIVORZIO BREVE, OK DEFINITIVO DELLA CAMERA: BASTANO 6 MESI PER DIRSI ADDIO
Con 398 voti a favore, 28 contrari e 6 astenuti viene dato il benvenuto al divorzio breve, riducendo da tre anni a uno i tempi di attesa tra separazione e fine ufficiale del matrimonio. Non essendoci state modifiche rispetto al testo licenziato dal Senato, il ddl diventerà legge.

"È una norma di civiltà - ha detto oggi in aula quasi del tutto vuota la relatrice Alessia Morani - Sono decenni che il Paese aspetta norme più moderne che accorcino i tempi del divorzio riducendo peraltro quelle conflittualità di cui sono vittime in primo luogo i figli delle coppie che scelgono di separarsi".

Il testo del decreto prevede alcune importanti novità: il primo riguarda proprio i tempi con cui si potrà procedere in vista del divorzio. Da tre anni si passerà a dodici mesi in caso di giudiziale, cioè quando la richiesta è da parte di uno solo dei due coniugi, altrimenti si arriva a sei mesi se il consenso è da entrambe le parti. In secondo luogo in caso di separazione, la comunione dei beni tra marito e moglie si scioglie nel momento in cui il tribunale autorizza i due a vivere separati. Altra novità è che il provvedimento avrà un'applicazione immediata, quindi sarà operativo anche per i procedimenti in corso.

"Dopo 45 anni dall'approvazione, il 1 dicembre 1970, il divorzio finalmente viene riformato - commenta Aurelio Mancuso, presidente di Equality Italia - Un primo obiettivo che speriamo nel prossimo periodo possa essere migliorato, per esempio con l'abolizione degli inutili tempi ancora stabiliti per la separazione, che è una grande spinta affinché altre riforme siano discusse e approvate, tra queste: ius soli, cambio del cognome, unioni civili".

Una voce fuori dal coro è invece quella del presidente nazionale del Forum delle Associazioni familiari, Francesco Belletti, che parla di "soluzione che deresponsabilizza la società rispetto alle decisioni delle persone, attraverso una semplificazione che segna un passaggio grave. L'esito del dibattito parlamentare sancisce che le coppie sono lasciate più sole davanti a scelte difficili. Questo è un segnale di abbandono da parte del sociale".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"