MARTEDÌ 14 MAGGIO 2019, 09:53, IN TERRIS


GOVERNO

Di Maio a Salvini: "Abbassare i toni"

Il vicepremier M5s a Repubblica: "Lega torni moderata, ultradestra è un pericolo"

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Luigi Di Maio
Luigi Di Maio
C

on Matteo Salvini "non si tratta di litigare. Semplicemente, sono una persona moderata: quando l'asticella si sposta troppo come accadde a Verona, dove c'era gente che andava dicendo che la donna deve stare a casa a pulire, o quando vedo sui social il ministro dell'Interno che imbraccia un fucile, allora dico la mia". Così Luigi Di Maio nel corso di un'intervista a Repubblica in cui definisce "un pericolo" l'ultradestra e invita la Lega a "tornare su posizioni più moderate" e a "smetterla con fucili, armi e carri armati".


"Abbassare i toni"

Il governo, dice, "deve continuare. Quattro anni per mantenere quello che abbiamo promesso". In merito allo striscione anti-Salvini rimosso e ai casi simili degli ultimi giorni, "non è nel mio stile. C'è un po' di nervosismo, bisogna abbassare i toni, evitare di soffiare sul fuoco", ha evidenziato Di Maio.


Il voto

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo ha assicurato di non temere le urne: "L'unica paura che ho è che l'esasperazione di certi toni possa aumentare il livello di tensione sociale. L'ultradestra è un pericolo, siamo in democrazia". Quanto al possibile superamento del limite dei due mandati, "non è all'ordine del giorno". Le alleanze con liste civiche anche nazionali, invece, "sono uno dei cambiamenti di cui le assemblee regionali stanno discutendo".


Il futuro del governo

Sulla possibilità di sacrificare ministeri per tenere in vita il governo, "le elezioni europee servono a costituire il Parlamento europeo. Quelle nazionali ci sono già state e gli equilibri non cambieranno", ha dichiarato Di Maio, che blinda il premier: "Il presidente Conte sta svolgendo un lavoro straordinario, la Lega non ha mai chiesto nulla". La premiership al Carroccio "è uno scenario che non esiste". Parlando dell'azione di governo, "ho lanciato la proposta di un tavolo congiunto per mettere a punto flat tax e salario minimo. Una loro proposta e una nostra, entrambe nel contratto. Lei ha sentito risposte?". Sull'autonomia, ha proseguito, "ho visto un'informativa di una paginetta. Un punto di incontro si troverà, ma non si pensi di spaccare il Paese in due". In tema di migranti, Di Maio è tornato a rispondere sul caso Diciotti: "Abbiamo rivendicato quell'azione come governo. Anche se la vera risposta all'immigrazione è la redistribuzione, che ora sta funzionando". Sulle multe per chi soccorre in mare, ipotizzate nel decreto sicurezza bis, "mi preoccuperei piuttosto dei rimpatri. Avevo sentito tante promesse, ma nei fatti c'è poco".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione

Positivo all’alcoltest chiama il padre, ma è ubriaco anche lui

L’uomo per evitare il sequestro dell’auto si è fatto venire a prendere dai genitori, ma al padre hanno...