GIOVEDÌ 25 GIUGNO 2015, 18:45, IN TERRIS

DE MAGISTRIS RESTA IN CARICA. ACCOLTO IL RICORSO DEL SINDACO

Sospesa dal Tribunale di Napoli l'applicazione della Severino. L'ex magistrato: "Fatta giurisprudenza"

AUTORE OSPITE
DE MAGISTRIS RESTA IN CARICA. ACCOLTO IL RICORSO DEL SINDACO
DE MAGISTRIS RESTA IN CARICA. ACCOLTO IL RICORSO DEL SINDACO
Luigi de Magistris resta in carica. Il Tribunale di Napoli ha, infatti, accolto il ricorso del primo cittadino partenopeo contro la sospensione prevista dalla legge Severino. I giudici hanno stoppato il decreto del prefetto, emesso a seguito della condanna in primo grado per abuso d'ufficio inflitta a de Magistris nel processo Why not.

La decisione della prima sezione civile del Tribunale di Napoli sul ricorso di Luigi de Magistris conferma quindi quanto aveva stabilito il Tar Campania lo scorso 30 ottobre, e cioè la sospensione del decreto di sospensione firmato dal prefetto secondo quanto previsto dalla legge Severino per gli amministratori condannati anche in primo grado per determinati reati, in questo caso l'abuso d'ufficio.

Il Tar aveva sollevato dubbi di costituzionalità su alcuni aspetti della norma. Nel frattempo il Consiglio di Stato ha stabilito che è il giudice ordinario, e non quello amministrativo, competente in materia. La decisione del Tribunale di Napoli potrà avere riflessi anche sul caso De Luca: anche sul neo eletto presidente della Regione Campania pendono gli effetti della legge Severino alla luce della condanna in primo grado inflittagli dal Tribunale di Salerno per abuso d'ufficio.

"Abbiamo fatto giurisprudenza- è stato il commento di de Magistris - E' la tappa di una fatica, qua stiamo cercando di rincorrere il diritto a governare la città di Napoli, per cui sono stato eletto. Questo provvedimento sancisce che c'è stata una violazione. Quando sono stato candidato la legge Severino non esisteva. Il sindaco oggi ha il diritto-dovere di governare". L'ex magistrato ha raccontato che "in questi mesi" ha governato la città "per strada". "Non ho smesso di lavorare, ma aspettavo la telefonata. Io per strada continuo ad andare, ma la decisione di oggi è importante. Sono quindici anni della mia vita che lavoro 15/18 ore al giorno difendendomi. Oggi è una tappa importante, posso tranquillizzare la città. Più mi ostacolano, più capisco che stiamo lavorando bene, così come quando facevo il magistrato. Più provi a rompere un sistema, più ti attaccano".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"