VENERDÌ 05 GIUGNO 2015, 11:30, IN TERRIS

CRISI IN LIBIA, GRASSO: "SERVE UNA SOLUZIONE POLITICA GESTITA DALL'ONU"

Il presidente del Senato al Consiglio d'Europa: "Giusta la linea dell'Italia. Va costruito un governo di unità nazionale"

DANIELE VICE
CRISI IN LIBIA, GRASSO:
CRISI IN LIBIA, GRASSO: "SERVE UNA SOLUZIONE POLITICA GESTITA DALL'ONU"
La soluzione della crisi libica non può prescindere da politica e diplomazia. Ne è convinto il presidente del Senato, Piero Grasso, intervenuto alla Camera in occasione dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa, Comitato per gli Affari Politici e la Democrazia. "Sono convinto che l'obiettivo debba essere promuovere, come l'Italia sta facendo, una soluzione politica affidata alle Nazioni Unite: la costituzione di un governo di unità nazionale che interrompa le ostilità militari, riacquisti progressivamente il controllo del territorio e il potere di spesa e che diventi un credibile interlocutore per l'Europa" ha detto Grasso sostenendo che nella lotta allo Stato Islamico "alle azioni militari già in corso per contenerne l'espansione territoriale, debbano affiancarsi strategie per dare vita progressivamente a istituzioni, a luoghi della politica, che riempiano i vuoti geopolitici occupati dal terrorismo. Ripartire dalla storia per costruire il futuro è un dovere che spetta a noi, alla politica".

Più in generale, ha spiegato Grasso, "il Grande Mediterraneo è divenuto il punto più nevralgico di un sistema globale mai così frammentato e disgregato. Di Mediterraneo recentemente si è parlato molto e giustamente, sia per le minacce di sicurezza che provengono dalla sponda sud e sud-orientale di questa vasta area geografica, sia per la drammatica catastrofe umanitaria collegata ai flussi migratori. Personalmente sostengo i piani che la Commissione Europea ha presentato come un primo passo importante. Più in genere, credo che la storia che sarà scritta sui tempi che viviamo misurerà la coerenza e la visione politica dell'Unione Europea e dell'Europa intera, sul grado di responsabilità e di solidarietà con cui sapremo affrontare il tema migratorio, nel pieno rispetto del diritto internazionale, della vita umana e dei nostri valori costitutivi".

Per quanto riguarda poi le diverse crisi in atto (oltre al caso Libia ci sono anche Yemen e Siria), il presidente del Senato crede che "sia necessario muovere dalla realistica consapevolezza che non possiamo stabilizzare rapidamente i focolai di guerra e nemmeno determinare presto condizioni di vita e governo accettabili in altri aree della regione. E' ineludibile una strategia comune rivolta al medio termine, con azioni di stabilizzazione politica delle crisi e di sostegno allo sviluppo".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"