VENERDÌ 10 AGOSTO 2018, 10:27, IN TERRIS


MAFIA

Confiscati beni per 400 milioni a ex deputato siciliano

Giuseppe Acanto è ritenuto legato ai vertici del clan di Villabate

MILENA CASTIGLI
Giuseppe Acanto
Giuseppe Acanto
L

a Direzione investigativa antimafia ha confiscato beni per 400 milioni di euro a Giuseppe Acanto, ex deputato regionale siciliano. Il politico, 58 anni, è ritenuto dai magistrati strettamente legato ai vertici del clan mafioso di Villabate, in provincia di Palermo. La confisca operata dalla Dia questa mattina riguarda beni mobili e immobili, rapporti bancari, l'intero capitale sociale e i compendi aziendali di varie società, e quote societarie per un valore complessivo di oltre 400 milioni di euro. Acanto, inoltre, è stato ritenuto dal Tribunale di Palermo "socialmente pericoloso" e per questo sottoposto alla sorveglianza speciale di polizia per 4 anni a partire dal 2018.

Secondo gli investigatori, Acanto è riuscito a trovare interlocutori privilegiati all’interno dell’amministrazione del comune di Villabate (in seguito sciolto per infiltrazioni mafiose) facendosi nominare direttore del locale mercato ortofrutticolo. Avvicinatosi poi all’attività politica, si occupò di sviluppare ogni operazione economica d’interesse della locale famiglia mafiosa di Villabate, come la costruzione del centro commerciale, dedicandosi alla costituzione di società in nome e per conto degli uomini d’onore

Sempre secondo la Dia, Acanto negli Anni Novanta era socio in affari illeciti con Giovanni Sucato. Questi, detto il "mago dei soldi", truffò migliaia di persone tra cui anche alcuni appartenenti a Cosa Nostra, e poi sparì con un ingente capitale. Il suo cadavere fu trovato carbonizzato all’interno della propria auto nel 1996.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista
Corteo Festa del Tricolore a Catania
CATANIA

All'ospedale giovane aggredito da 30 antifascisti

Il 18 stava distribuendo volantini di una comunità giovanile identitaria: rotto uno zigomo
Bambino al rubinetto dell'acqua
GIORNATA MONDIALE DELL€ACQUA

Unicef: "Più bimbi morti per diarrea che per proiettili"

Oltre 4,5 miliardi di persone non usano servizi igienico-sanitari sicuri
Aereo che ha portato Xi a Roma
ACCORDO ITALIA-CINA

Conte e Di Maio difendono la Via della Seta

Premier e vicepremier 5Stelle: "Nuove opportunità". E intanto giungono critiche dal Finantial Times
LORETO

Al via il pellegrinaggio dei giovani dell'Unitalsi

Una delegazione donerà al Papa un simbolo dell'Associazione
La stazione Termini a Roma
STAZIONE TERMINI

Paura in centro a Roma: minaccia i passanti con una pala

Prima aveva tentato di rapinare un'edicolante nella Galleria
Il bus incendiato nel milanese
LA CIRCOLARE

Viminale: stretta sulle patenti degli autisti dei bus

Maggiori controlli e raccordo operativo con le motorizzazioni civili
Cina: la violenta esplosione nell'impianto chimico
CINA

Esplode impianto chimico: 47 morti

Il presidente Xi in visita in Italia: "Massimo sforzo per salvare vite umane"
Il Fronte al-Nusra
ABRUZZO E ALTRE REGIONI

Finanziavano i terroristi: 20 indagati

Le ipotesi investigative sarebbero riconducibili al movimento radicale islamico Al-Nusra
La tendopoli
SAN FERDINANDO

Ancora un rogo: morto un migrante

Incendio nella tendopoli che ospita le persone sgomberate dalla vecchia baraccopoli