MERCOLEDÌ 05 DICEMBRE 2018, 17:04, IN TERRIS


MANOVRA

Come cambia il congedo di maternità

Le donne potranno lavorare fino al parto. Polemiche per un bonus famiglie inaccessibile agli extracomunitari

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Lavoratrice incinta
Lavoratrice incinta
D

onne con il pancione al lavoro fino al momento del parto. Da domani potrebbe essere così anche in Italia. La Lega ha presentato un emendamento alla Manovra che lo prevede. La modifica proposta dal Carroccio è stata accolta nella seduta notturna del 4 dicembre in commissione Bilancio della Camera, ed essa prevede anche che si possa godere dei cinque mesi di maternità direttamente dopo la nascita del bambino, a condizione che ci sia l'autorizzazione del medico. Nella versione odierna del congedo di maternità, invece, le neomamme restano a riposo nei due mesi precedenti al parto e nei tre successivi. Era già prevista una flessibilità che consentiva alle donne di lavorare fino all'ottavo mese e godere poi di quattro mesi liberi.


Novità anche sul bonus asili nido

Il pacchetto famiglia ha poi aumentato del 50% il bonus per l’iscrizione agli asili nido pubblici o privati: le famiglie beneficiarie in base al proprio Isee riceveranno 1500 euro invece degli attuali 1000. Il bonus è stato prorogato fino al 2021, poi la cifra destinata alle famiglie sarà stabilita di anno in anno con un decreto su proposta del ministro della famiglia. La cifra, comunque, non potrà scendere sotto quota 1000 euro.


"Carta della famiglia" riservata agli italiani

Nelle novità introdotte alla Manovra non mancano motivi di polemica. La Carta della Famiglia, che dà l'accesso a sconti sull'acquisto di beni o servizi per le famiglie con almeno tre figli a carico con meno di 26 anni, sarà riservata agli italiani e ai cittadini "appartenenti a Paesi membri dell'Unione europea" regolarmente residenti nel nostro Paese. Esclusi quindi i cittadini extracomunitari. Polemiche dal centrosinistra. "Lega e M5s vogliono fare una distinzione tra famiglie. Ma questo è indecente. Per la nostra Costituzione la famiglia è una, senza distinzione di etnia". Lo afferma il senatore del Pd Edoardo Patriarca. "Con il no al bonus per gli stranieri, si vogliono togliere diritti a famiglie integrate e che pagano regolarmente le tasse. E' assurdo, e nei fatti crea una frattura tra famiglie che vivono sullo stesso suolo, e che magari mandano i figli nella stessa scuola", conclude Patriarca.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un boccale dell'ex filanda
SAN FRANCESCO

Friar: l'ex filanda francescana che offre birra e serenità

Il "locale" di Monza gestito dai frati che permette a tanti giovani di conoscersi
Inter-Roma 1-1. Un contrasto fra Nainggolan e Dzeko
SERIE A

ElSha, poi Perisic: Inter-Roma è pari

Nella giornata dell'ottavo scudetto consecutivo bianconero, la lotta Champions si accanisce: 1-1 a San Siro
Uova di Pasqua

Una Santa Pasqua, In Terris festeggia grazie a te

Per continuare la nostra missione chiediamo un piccolo gesto di solidarietà e amicizia
Giuseppe Conte
CASI SIRI E ARATA

Pd, mozione di sfiducia al governo Conte

L'annuncio del capogruppo dem al Senato, Marcucci: "Chiarimenti sulla reale salute della coalizione"
Il passaggio del ciclone Idai in Mozambico
MOZAMBICO

Unicef: istruzione a rischio per 300mila bambini

Il ciclone Idai si è abbattuto nell'Africa centro-orientale in marzo provocando oltre 400 morti
Gilet gialli a Parigi
LA PROTESTA

Gilet gialli in piazza, scontri a Parigi

Tornano a sfilare i dimostranti, tensioni fra Polizia e black-bloc a Place de la Republique: 126 fermi