GIOVEDÌ 14 MAGGIO 2015, 10:00, IN TERRIS

CASO PENSIONI: IL GOVERNO ACCELERA SUI RIMBORSI, LUNEDI' IL CDM

L'esecutivo cerca le coperture per rispettare la sentenza della Consulta senza stravolgere i conti pubblici

DANIELE VICE
CASO PENSIONI: IL GOVERNO ACCELERA SUI RIMBORSI, LUNEDI' IL CDM
CASO PENSIONI: IL GOVERNO ACCELERA SUI RIMBORSI, LUNEDI' IL CDM
Il governo accelera per risolvere la grana pensioni dopo la sentenza della Corte Costituzionale che ha annullato lo stop alla rivalutazione per quelle superiori tre volte il minimo stabilito dalla norma Fornero del Sal Italia. La decisione che palazzo Chigi adotterà adotterà a breve giro di ruota, probabilmente già nel Consiglio dei ministri di lunedì prossimo, sarà collegiale. L'obiettivo è rispettare la pronuncia della Consulta senza incrinare il delicato equilibrio dei conti pubblici, anche per non vanificare i segnali di ripresa registrati dall'Istat (+0,3% del Pil nel primo trimestre nel 2015).

Le risorse impiegate per far partire il rimborso degli arretrati si aggirerà fra i 3 e i 3,5 miliardi di euro che saranno reperiti in parte dal tesoretto generato dalla differenza fra deficit tendenziale e programmatico e per il resto dal rientro di capitali all'estero. Coperture che avranno, però, bisogno entrambe di una clausola di salvaguardia perché saranno verificate solo in fase di assestamento. All'interno di questo margine si sta ancora valutando una griglia di soluzioni, che guardano a limitare i rimborsi. E una delle ipotesi sul tavolo, spiegano ambienti di governo, è anche quella di restituire l'indicizzazione della pensione persa per effetto del blocco del Salva-Italia per uno solo dei due anni in cui lo stop è stato in vigore (l'indicizzazione bloccata era del 2,6% per il 2012 e del 1,9% per il 2013).

In questo modo si riduce l'impatto sui conti e si risponde a una delle indicazioni della Consulta, che ha giudicato eccessiva la durata del blocco per un biennio. La Corte però ha puntato il dito anche contro la mancanza di progressività dell'intervento, quindi la scelta finale potrebbe essere quella di un mix di misure, con limiti di tempo ma anche per fasce decrescenti al crescere dell'assegno incassato.

E una delle soluzioni che resta tra le più gettonate è quella di restituire l'indicizzazione piena solo fino a tre volte il minimo per tutti gli assegni che superano quella soglia. Soluzione che si traduce in un rimborso più alto per chi ha pensioni basse e più basso per chi invece ha un assegno alto (fissando magari comunque un tetto oltre una soglia ad esempio di 8 volte il minimo). D'altronde la Consulta, è la posizione del governo, non dice che si debba 'ridare tutto a tutti', come peraltro ha sottolineato anche il viceministro dell'Economia Enrico Morando davanti alla commissione Bilancio del Senato: "L'interpretazione che circola per cui la sentenza della Corte comporterebbe un ritorno alla legislazione vigente prima" del Salva Italia "non e' fondata", ha spiegato, aggiungendo che "temporaneità e progressività" sono "le due ragioni" che hanno portato alla bocciatura della norma.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015