LUNEDÌ 27 APRILE 2015, 12:16, IN TERRIS

CASO INDESIT: INCONTRO AL MISE CON I VERTICI DI WHIRLPOOL

Oltre 600 dipendenti sono partiti per Roma. Al centro dell'incontro la chiusura della fabbrica di Carinaro

AUTORE OSPITE
CASO INDESIT: INCONTRO AL MISE CON I VERTICI DI WHIRLPOOL
CASO INDESIT: INCONTRO AL MISE CON I VERTICI DI WHIRLPOOL
Oltre 600 dipendenti della Whirlpool sono partiti con 12 pullman dallo stabilimento di Carinaro per raggiungere Roma dove si sta svolgendo la riunione al Mise tra sindacati e azienda per parlare del piano annunciato dalla multinazionale dieci giorni fa che prevede la chiusura dei siti di Carinaro, Albacina (Ancona) e del centro di ricerche di None (Torino) con 1350 esuberi, 800 dei quali nel Casertano.

Il piano della società statunitense prevede investimenti per 500 milioni per l'integrazione con l'ex marchio italiano. Dura è stata la reazione da parte del ministero dello Sviluppo che ha espresso la "forte contrarietà" del Governo "per gli aspetti legati agli impatti occupazionali". Netta è stata anche la reazione dei sindacati dei metalmeccanici, dalla Uilm alla Fim-Cisl ed alla Fiom-Cgil che da Fabriano hanno sottolineato: "Questa è l'operazione fantastica di cui parlava Renzi?". Una domanda a cui Palazzo Chigi ha replicato sottolineando come questa decisione sia "un fulmine a ciel sereno". L'allarme e' soprattutto per gli esuberi "strutturali" per la chiusura degli impianti: 815 a Carinaro, 80 a None. Deciso è stato il cambio di rotta sulla strategia riguardante il polo di Fabriano, il nucleo storico dell'impero degli elettrodomestici che era della famiglia Merloni: il piano Indesit puntava sul rilancio della fabbrica di Albacina, con l'avvio degli investimenti sancito lo scorso giugno alla presenza del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Whirlpool punta a farne "il più grande stabilimento in Europa per la produzione di piani cottura" chiudendo Albacina e concentrando la produzione sul vicino stabilimento di Melano.

Nelle Marche è scattato l'allarme, dal Governatore Gian Mario Spacca ("il piano non è accettabile") al sindaco ed al vescovo di Fabriano, Giancarlo Sagramola e monsignor Giancarlo Vecerrica. L'azienda ha provato a calmare gli animi: produzione e occupazione di Albacina si trasferiranno di 8 chilometri a Melano, con un impatto del piano sul polo che è limitato "a 30 esuberi in più" considerati "di transizione". Il polo Whirlpool di Cassinetta (Varese) è destinato a diventare il "più grande polo europeo dei prodotti in incasso", con 280 operai in più. E l'Italia "sarà il principale centro di eccellenza della ricerca e sviluppo" del gruppo "con oltre il 70% della spesa totale Emea", Europa, Medio Oriente e Africa. Nel complesso, il piano prevede una crescita della produzione in Italia "di mezzo milione di pezzi" l'anno, da 5,6 a 6,2 milioni. "Il Governo fara' di tutto per salvaguardare i posti di lavoro del gruppo Whirlpool in Italia" ha avvertito il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, sottolineando che l'Esecutivo "ha subito chiesto e ottenuto l'impegno dell'azienda", legato al vecchio piano di riassetto Indesit, "che escludeva qualsiasi licenziamento unilaterale fino al 2018".

Nella mattinata di oggi circa 200 persone si sono ritrovate davanti alla sede centrale d Fabriano della Indesit per protestare contro il piano aziendale della Whirpool. Operai, operatori del call center, dirigenti e impiegati si sono riuniti per manifestare la loro contrarietà alle decisioni della clase dirigenziale. Nel frattempo oggi si è tenuto un tavolo di trattative tra la società e i rappresentanti sindacali. A differenza dell'ultimo incontro, questa volta entrambe le parti si sono sedute al tavolo, ma l'azienda ha comunicato di voler rimanere sulle sue posizioni.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Recep Tayyip Erdogan
CAOS GERUSALEMME

Erdogan al vetriolo: "Israele terrorista"

Il presidente turco apre il vertice dell'Oic: "La Città santa sia capitale della Palestina"