MARTEDÌ 14 APRILE 2015, 13:30, IN TERRIS

CASO CONTRADA, STRASBURGO RIBALTA LA SENTENZA: "NON ANDAVA CONDANNATO"

I giudici europei: "L'Italia non ha rispettato il nulla pena sine lege. All'epoca dei fatti l'associazione esterna non era definita dall'ordinamento"

AUTORE OSPITE
CASO CONTRADA, STRASBURGO RIBALTA LA SENTENZA:
CASO CONTRADA, STRASBURGO RIBALTA LA SENTENZA: "NON ANDAVA CONDANNATO"
A pochi giorni dalla sentenza sul G8 di Genova la Corte europea per i diritti dell'uomo torna a condannare l'Italia su un altro caso spinoso: quello di Bruno Contrada. L'ex numero 3 del Sisde era stato punito nel 1996 con 10 anni di carcere per concorso esterno in associazione mafiosa. Una decisione censurata da Strasburgo perché all'epoca dei fatti contestati, avvenuti tra il 1979 e il 1988, questo reato, frutto dell'elaborazione giurisprudenziale, non era ancora definito. L'Italia dovrà dunque risarcire 10 mila euro a Contrada e provvedere al pagamento delle spese processuali. L'ex 007 si era rivolto a Strasburgo nel luglio del 2008 affermando che - in base all'articolo 7 della Convenzione europea dei diritti umani, il quale stabilisce il principio "nulla pena sine lege" - non avrebbe dovuto essere condannato perché "il reato di concorso esterno in associazione di stampo mafioso è posteriore all'epoca in cui lui avrebbe commesso i fatti per cui è stato condannato".

I giudici europei, a differenza di quanto fatto da quelli italiani, gli hanno dato ragione, affermando che i tribunali nazionali, nel punire Contrada, non hanno rispettato i principi di "non retroattivita' e di prevedibilità della legge penale". Nella sentenza i magistrati continentali affermano che "il reato di concorso esterno in associazione mafiosa è stato il risultato di un'evoluzione della giurisprudenza iniziata verso la fine degli anni '80 e consolidatasi nel 1994 e che quindi la legge non era sufficientemente chiara e prevedibile per Bruno Contrada nel momento in cui avrebbe commesso i fatti contestatigli".

La Corte di Strasburgo sostiene anche che i tribunali italiani "non hanno esaminato approfonditamente la questione della non retroattività e della prevedibilità della legge" sollevata più volte dal condannato, e non hanno quindi risposto alla questione "se un tale reato poteva essere conosciuto da Contrada quando ha commesso i fatti imputatigli". I giudici di Strasburgo hanno respinto la richiesta di riconoscergli quasi 30 mila euro per le spese processuali sostenute a Strasburgo, ordinando all'Italia un risarcimento limitato a 2.500 euro.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
Il Papa con alcuni migranti
CONVEGNO

Chiese unite contro la xenofobia

Da domani vertice ecumenico in Vaticano