GIOVEDÌ 30 LUGLIO 2015, 12:25, IN TERRIS

CASO AZZOLLINI, SERRACCHIANI: "FATTA UNA BRUTTA FIGURA"

Pd diviso sulla libertà di coscienza. Il presidente del Friuli: "Dovremmo scusarci". E il premier non parla

FRANCESCO VOLPI
CASO AZZOLLINI, SERRACCHIANI:
CASO AZZOLLINI, SERRACCHIANI: "FATTA UNA BRUTTA FIGURA"
Dopo il salvataggio di Antonio Azzollini il Pd si spacca sulla libertà di coscienza. I numeri con cui la richiesta di domiciliari è stata bocciata non lasciano dubbi: diversi esponenti dem hanno votato contro l'autorizzazione a procedere. Era stato il capogruppo Luigi Zanda, prima della discussione in Aula, a inviare una lettera ai suoi in cui li invitava a "seguire il proprio convincimento". Massima libertà dunque, anche per non urtare oltre modo gli alleati di Ap su una questione delicata che avrebbe potuto incrinare gli equilibri della maggioranza. "Vorrei che tutti quelli che dichiarano certezze assolute su Azzollini, leggessero la richiesta della Procura di Trani", ha detto ad esempio il renziano Andrea Marcucci. Altri poi non hanno nascosto stima e affetto per il senatore di Ncd che ha ricoperto la carica di presidente della commissione Bilancio per tanti anni con diversi governi e con il quale hanno quindi collaborato a lungo.

A manifestare la divisione in due del Pd su un caso di coscienza come la richiesta di arresto nei confronti di un senatore ci sono i due vicesegretari: da un lato infatti Debora Serracchiani che non ha condiviso la linea dei senatori del suo partito: "Oggi al Senato avrei votato secondo le indicazioni della Giunta per Immunità, senza impedire l'arresto di Azzollini", ha detto aggiungendo che "ci dovremmo anche un po' scusare, perché credo che non abbiamo fatto una gran bella figura. La politica ha il dovere di mantenere la massima trasparenza nei confronti dei cittadini e della giustizia. Temo che si sia persa un'occasione per dare un buon segnale di cambiamento". Dall'altro lato Lorenzo Guerini ha affermato: "Se anche alcuni senatori del Pd hanno scelto di votare contro l'arresto evidentemente è perchè non hanno rilevato dalle carte ragioni sufficienti per dare l'assenso. Ribadisco che trattandosi di scelte che riguardano le persone vanno soprattutto analizzate le carte".

Di sicuro il caso Azzollini ha riaperto un fronte polemico con la minoranza che ora chiede un chiarimento su tutta la linea del governo. A parlare sono stati diversi esponenti dall'ala dura di Alfredo D'Attorre e Davide Zoggia, mentre Pierluigi Bersani pure interpellato ha preferito non esprimersi. Anche Gianni Cuperlo, meno critico ora verso la maggioranza, ha sostenuto che con questo voto "il Pd si è fatto male" e ha chiesto un chiarimento sulla linea politica. Soprattutto la minoranza ha chiesto a Renzi quale fosse il suo pensiero ma il presidente del Consiglio non si è espresso. A differenza della richiesta di arresto del deputato dem Francantonio Genovese su cui chiese addirittura il voto palese per evitare equivoci sul sì, stavolta il premier-segretario ha preferito non intervenire e lasciare che le diverse sensibilità del suo partito si manifestassero liberamente. Non si è espresso nemmeno il presidente del Pd Matteo Orfini nonostante, mentre era in corso la discussione su Azzollini nella Giunta per le Immunità, avesse assicurato che il Pd avrebbe votato a favore dell'arresto.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
L'esondazione dell'Enza a Lentigione (ph Reggionline)
MALTEMPO

Esonda la Parma, allagata la Reggia di Colorno

Trovato senza vita sotto una valanga l'ex sindaco di Vogogna
Il Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni
GENTILONI

"Il mancato accordo su Brexit è un pericolo per la Ue"

L'intervento del Premier al Senato in vista del prossimo Consiglio europeo di Bruxelles
Polizia di Stato
ASTI

Sequestrata e abusata per 24 ore: arrestati due tunisini

Polizia libera la donna trentenne. Indagato in concorso un terzo tunisino
La Reggia di Caserta
CROLLO NELLA SALA DELLE DAME

Reggia di Caserta: al via controlli intonaci e restauro soffitti

Il restauro del soffitto danneggiato dovrebbe essere ultimato entro al fine di gennaio 2018
La chiesa di San Giorgio restaurata
PIANA DI NINIVE

Riconsacrata la chiesa di Tellskuf

Profanata e semidistrutta dall'Isis, è stata restaurata con i soldi raccolti da Acs
New York, il capolinea attaccato
ATTACCO A NEW YORK

Arriva la condanna del Bangladesh

Dacca: "Tolleranza zero con i terroristi". Ullah era giunto negli Usa nel 2011
La Bibbia su smartphone
GERMANIA

In un'App la nuova traduzione della Bibbia

La versione in tedesco della Sacra Scrittura è gratuita per iOs e Android