LUNEDÌ 10 GIUGNO 2019, 00:01, IN TERRIS

Caporalato, la schiavitù che non fa rumore

Un'analisi dettagliata del mostruoso fenomeno che pervade le campagne italiane

GIUSEPPE CHINA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Braccianti nei campi
Braccianti nei campi
L

a stagione della quattro "S" è iniziata. Suolo, serre, sudore e schiavi, in particolare ma non solo, dell'agricoltura. Sono i protagonisiti di una storia che si ripete ogni anno allo stesso modo, identica nelle modalità di brutale sfruttamento, nella percezione esterna che ne ha l'opinione pubblica e nella rappresentazione fornita, spesso soltanto nei mesi di raccolta, dai media. Il caporalato - flagello che colpisce l'Italia intera, senza distinzioni (geografiche) tra la raccolta di pomodori in Sicilia, Calabria e Campania o quella del melone nella provincia di Mantova - mostra in questo periodo dell'anno il suo aspetto più visibile. 


Gli ultimi dati sul fenomeno 

E' di pochi giorni fa la pubblicazione del report annuale dell'Ispettorato nazionale del lavoro. "Anche nel 2018 - si legge nelle carte - sono state poste in essere azioni di vigilanza specificatamente mirate al contrasto del fenomeno del caporalato e dello sfruttamento della manodopera, specie straniera e priva di regolare permesso di soggiorno, con particolare riferimento al settore agricolo, ove il fenomeno è notoriamente più diffuso". E ancora: "Sono state effettuate 7.160 ispezioni, con un tasso di irregolarità registrato di circa il 54,79%, superiore di oltre 4 punti percentuali rispetto al 2017". Sarà opportuno ripeterlo, un incremento del 4%. "Dei 5.114 lavoratori irregolari riscontrati, 3.349 (65,5%) sono risultati in "nero" e, tra questi, 263 cittadini extracomunitari privi di permesso di soggiorno". Inoltre "299 persone sono state deferite all'Auotrità Giudiziaria, 56 delle quali in stato di arresto, con una casistica concentrata per il 69% nel solo settore dell'agricoltura". Fattispecie di reato contestata: 603 bis del codice penale, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. In una parola: caporalato. 


Parola al segretario generale della Fai Cisl

Per i neofiti della materia occorre precisare che nel 2016 è stata introdotta nel nostro ordianamento una legge che ha disciplinato il fenomeno. Punendo anche con la reclusione da uno a sei anni sia il caporale, sia il datore di lavoro che "gode dei suoi benefici". "La 199/2016 - ha spiegato ad In Terris Onofrio Rota, segretario generale della Fai Cisl - è stata una legge importante che per questo settore si può paragonare ad un faro, facendo emergere il problema nella sua interezza". Eppure per arginare questa piaga non basta. "La spinta maggiore occorre farla", ha aggiunto Rota, "nei territori, perché è fondamentale il lavoro congiunto tra organizzazioni sindacali e prefetture, le cosiddette cabine di regia". Dunque: "Il fenomeno non possiamo soltanto commentarlo e analizzarlo a livello nazionale. Ripeto, soprattutto, nelle realtà locali bisogna lavorare per aggredirlo". Infatti: "E' stato positivo l’accordo firmato con Regione Lazio, che ha messo a disposizione dei lavoratori, i voucher per l'utilizzo dei mezzi pubblici. In modo tale che raggiungano serenamente il posto di lavoro, senza essere disturbati dai caporali dei trasporti".


Le drammatiche storie degli sfruttati

Avvicinarli non è semplice, dato che nella maggior parte dei casi se vedono un estraneo scappano. Scaraventano pale, vanghe e si mettono a correre. Però, se intercettati, raccontano senza freni lo sfruttamento bestiale al quale sono sottoposti. Nella stagione estiva lavorano 14-15 ore al giorno, senza pause. Sotto il sole cocente e in alcuni casi dentro la serra, dove la temperatura raggiunge 60-70 gradi. Caricano e scaricano decine frutti, per esempio "l'anguria che può pesare anche 20 kg". E la paga? " Prima - confida un maroccchino con il suo italiano stentato - arrivavi a 8 euro l’ora, invece, adesso ti pagano tra i 4 e i 5 euro. Da tassare". Già, denaro che spesso viene detratto dalla cooperativa di riferimento. Le cooperative sono un aspetto centrale del caporalato, perché molte sono "false cooperative che, perseguendo solo in apparenza scopi mutualistici, di fatto agiscono in violazione dei diritti dei lavoratori e delle regole della leale concorrenza. Nel 2018, su un totale di 3.311 cooperative ispezionate, ne sono risutlate irregolari 1.986 (circa il 60%)". Infine ci sono le decine, centinaia di morti - quelle che tutti per qualche minuto vedono, ascoltano, leggono e dimenticano - nella stagione delle quattro "S".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio
Salvini arriva a Washington
WASHINGTON

Salvini all'Ue: "Non accettiamo più briciole"

Da Oltreoceano il vicepremier manda un messaggio alle istituzioni europee: "Flat tax sì, fatevene una ragione"
Francesco Belsito
LA SENTENZA

Processo Siram: assolto Belsito

Il pm aveva chiesto 4 anni per l'ex tesoriere della Lega Nord
Luca Poniz
NOMINE

Csm, Poniz: "Politica si assuma responsabilità"

Il neo presidente dell'Anm: "Da tempo criticavo la magistratura associata"
BERGAMO

Travolto al posto di controllo, morto un carabiniere

Investimento nella notte, il conducente forse era ubriaco
INCIDENTI STRADALI

Roma, donna investita da autobus è grave

Sulla ricostruzione della dinamica sta lavorando la Polizia Locale
Paramilitare
AMERICA LATINA

Nicaragua: i paramilitari attaccano due chiese

Lanciate bombe “stordenti” e colpiti i fedeli all'uscita delle celebrazioni eucaristiche
Il blackout
L'EVENTO

Maxi-blackout, al via le indagini in Argentina e Uruguay

Servizio ripristinato dopo oltre 15 ore. L'inchiesta accerterà le cause del guasto
LOTTA AGLI STUPEFACENTI

Palermo: sbarca con 21 chili di droga, arrestato

Misura cautelare effettuata nei confronti di un incensurato
Bomba carta (immagine di repertorio)
RIONE SAN GAETANO

Bomba carta e "stesa" a Napoli: scene da guerriglia

L'ordigno artigianale è esploso davanti l'ingresso di una palazzina di via Teano
La petroliera in fiamme nel golfo di Oman
MARE DI OMAN

Attacco alle petroliere: gli Usa valutano l'invio di truppe

Ma il Giappone chiede agli Usa "Prove concrete" contro l'Iran "oltre le speculazioni"
Joshua Wong
ASIA

Hong Kong: è libero il leader degli ombrelli

Scontata la pena di due mesi per le manifestazioni del 2014
Mario Conoci
ELEZIONI COMUNALI IN SARDEGNA

Mario Conoci è il nuovo sindaco di Alghero

Centrodestra in testa anche a Cagliari, il Centrosinistra a Sassari
Lavoro

Zero, qualcosina

In questi ultimi giorni si è data enfasi sulla crescita dell'occupazione in modo tale che i media potessero...
Italia-Spagna 3-1. Chiesa festeggia la doppietta con Orsolini - Foto © Twitter
EUROPEO U-21

Notte magica per l'Italia, la Spagna è ribaltata: 3-1

Sfatato il tabù iberico: Chiesa (doppietta) e Pellegrini (rigore) portano gli azzurri in testa al girone