MERCOLEDÌ 06 NOVEMBRE 2019, 00:01, IN TERRIS

Caos Ilva, Bentivogli (Fim Cisl): "Serve lo scudo penale"

Il segretario generale a In Terris: "Condizione minima per disinnescare gli alibi di ArcelorMittal e attuare il piano ambientale e industriale"

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Gli impianti ex Ilva
Gli impianti ex Ilva
I

ncontri previsti per salvare il salvabile, vertici lampo, rimpallo politico e un solo dato certo: il rischio, potenzialmente catastrofico, per oltre 10 mila lavoratori dell'impianto siderurgico ex Ilva di Taranto, messi con le spalle al muro dal clamoroso dietrofront di ArcelorMittal dall'impegno contrattuale sottoscritto un anno fa. Un caos che ha radici profonde, aggrappate al depennamento del cosiddetto scudo penale che, di fatto, ha sottratto un mattoncino importante dalla torre dell'affare Ilva, con il gruppo franco-indiano a far leva proprio sul provvedimento in questione per giustificare la recessione che ha assestato al governo un colpo inaspettato e dalle conseguenze ancora incerte. Una condizione quella del ripristino che, come spiegato a In Terris dal segretario generale della Federazione italiana metalmeccanici (Fim Cisl) Marco Bentivogli, al netto delle divergenti vedute, appare come uno dei pochi spiragli concreti per uscire dall'impasse e ricreare perlomeno i presupposti per riaprire il discorso Ilva, sul fronte investimenti e, soprattutto, per quel che riguarda il cruciale piano ambientale.

 

La comunicazione di ArcelorMittal ha provocato un inaspettato fattore di rischio per gli oltre 10 mila lavoratori dell'ex Ilva. La natura del contratto stipulato un anno fa prevede qualche norma paracadute a tutela della forza lavoro?
"Il pasticcio combinato al Senato sul Salvaimprese è con lo stralcio dell’articolo 14, il cosiddetto 'scudo penale', una norma, con un perimetro molto preciso sia di applicazione (piano ambientale) che di durata. Un provvedimento che in qualsiasi altro Paese non sarebbe stato necessario, ma che in Italia è servito ad evitare che all’attuazione del Piano i dirigenti ma anche i lavoratori rischiassero penalmente. Si è trattato di un assist incredibile ad AmInvestCo Italy e alla sua nuova ad Lucia Morselli. Un assist che si è tradotto, nero su bianco, nella lettera inviata ai Commissari straordinari di ex-Ilva con la comunicazione di recesso dal contratto dello stesso per l’affitto e il successivo acquisto condizionato dei rami d’azienda di Ilva spa e di alcune sue controllate a cui era stata data esecuzione il 31 ottobre 2018: una notizia gravissima. Significa che entro 25 giorni i lavoratori e gli impianti dell’ex-Ilva torneranno nelle mani della già rovinosa amministrazione straordinaria. Un disastro sul piano lavorativo e sociale. Non ci sono quindi paracaduti, né tantomeno piani B e C. Bisogna reintrodurre subito lo scudo penale e togliere alibi ad ArcelorMittal. Anche la vulgata secondo cui esponenti del M5s minimizzano dicendo che è sufficiente l’arti. 51 del Codice Penale non sta in piedi. Nel 2012 e nel 2015 quando lo scudo non c’era finì nei guai l’allora presidente di garanzia".

Il gruppo franco-indiano, con la rescissione contrattuale, mette a rischio i lavoratori nel momento in cui paventa l'accantonamento degli investimenti previsti e del promesso piano ambientale. Su quest'ultimo aspetto come si procederebbe in caso di ritiro definitivo?
"La recessione del contratto mette a rischio concreto i lavoratori e l’attuazione del Piano ambientale e non solo. Al netto delle varie speculazioni della politica che paventano per l’impianto siderurgico fantomatiche riconversioni in centri di ricerca per le bonifiche, alla mitilicultura, rischia di diventare una Bagnoli2 con l’aggiunta che Bagnoli è appena un terzo dell’area ex-Ilva".

A tal proposito, esiste la possibilità di ripristino dello scudo penale, così che ArcelorMittal veda soddisfatta quella che, da comunicazione, resta la motivazione principale del suo allontanamento? O vi sono ulteriori fattori di rischio?
"Il governo ha combinato un disastro: un misto di pressapochismo e demagogia hanno affossato il rilancio dell’Ilva con l’unico risultato di fornire, come ho già detto, un alibi clamoroso all’azienda in una fase di 'tempesta perfetta' tra crollo della domanda dell’acciaio in tutt’ Europa, dazi di Cina e Usa a cui si aggiunge la crisi del settore automotive che è in forte recessione. Il Piano che avevamo sottoscritto il 6 settembre del 2018 ci metteva a riparo da questa tempesta. Oggi il ripristino dello scudo penale è la condizione minima necessaria a limitare i danni e va fatto subito con una convocazione immediata del Consiglio dei Ministri che faccia subito un decreto".

C'è possibilità di inserimento da parte di altre cordate o gruppi stranieri che possano in qualche modo intervenire per risolvere lo stallo della recessione contrattuale?
"Pensare oggi ad altre cordate non ha un gran senso, anche perché, senza lo scudo penale e la imminente chiusura dell’afo2 il problema permarrebbe per chiunque. Servirebbe tra l’altro una nuova gara con tempi lunghi, che vista la situazione dell’impianto e la gestione commissariale, che in questi anni ha fatto disastri, avrebbe come unico risultato quello di ridurre le prospettive industriali e occupazionali del sito, sarebbe una gara al ribasso. Oggi quello che bisogna fare è lavorare per rimettere Am in condizione di continuare ad attuare il piano industriale e ambientale che ha sottoscritto, togliendo ogni possibile alibi. Se in queste condizioni confermerà la sua dipartita se ne assumerà le responsabilità. Tutto il resto è demagogia".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...
Emergenze a Venezia, Roma e Firenze
MALTEMPO

Da Venezia a Roma: piene, pioggia e vento sull'Italia

Acqua alta a 150 cm nella Serenissima, ora in discesa. A Firenze rischio piena dell'Arno, disagi a Roma e in Alto Adige

La luce di Carlotta

Mi ha colpito molto la descrizione della chiamata di Levi, della chiamata di Zaccheo, fatta da padre Marko...
Militari cinesi a Hong Kong
ASIA

Hong Kong, Pechino schiera i militari

I soldati cinesi hanno aiutato a ripulire le strade della città dai rifiuti lasciati al termine delle proteste
Sabato e domenica forti piogge
METEOROLOGIA

Allerta rossa in 3 Regioni: domani pioggia e freddo

La Protezione Civile ha diramato l'allerta arancione in altre 8 Regioni e quella gialla sulle restanti
I soccorsi
MILANO

Maxi rissa davanti al McDonald: 30 ragazzi coinvolti

Fermati tre giovani di nazionalità tunisina: un 18enne e due minorenni
MALTEMPO

Non c'è pace per Venezia, nuova allerta per domani

In arrivo 20 milioni di euro per il primo ristoro dei danni
Un momento dell'udienza alla Comunità dell'Ospedale Bambino Gesù - ©Vatican Media
VATICANO

"Il Bambin Gesù continui ad essere una straordinaria opera di carità della Chiesa"

Per i 150 anni della fondazione, il Pontefice ha ricevuto in udienza la comunità dell'Ospedale Pediatrico Bambino...
Carabinieri nella fabbrica di Melito
MELITO DI NAPOLI

Tiene segregati 43 operai in nero: arrestato imprenditore

Tra le vittime, tutte italiane, anche una donna incinta e due minorenni