GIOVEDÌ 28 MAGGIO 2015, 13:33, IN TERRIS

CAMPANIA: SCOPPIA IL CASO DE LUCA, IL CANDIDATO DEL PD: "NON SARO' SOSPESO"

Il sindaco di Salerno, condannato per abuso d'ufficio: "La Severino non è applicabile a chi è eletto per la prima volta". Gasparri: "E' impresentabile. Bindi dimettiti"

DANIELE VICE
CAMPANIA: SCOPPIA IL CASO DE LUCA, IL CANDIDATO DEL PD:
CAMPANIA: SCOPPIA IL CASO DE LUCA, IL CANDIDATO DEL PD: "NON SARO' SOSPESO"
A poche ore dalle Regionali campane scoppia il caso degli impresentabili. La lista di candidati sconsigliata dalla commissione parlamentare Antimafia è ancora parziale, sinora sono stati fatti i nomi di 4 politici in corsa per il consiglio pugliese. Domani è attesa l'integrazione della black list con l'inserimento dei candidati in Campania. E' il caso De Luca a tener banco tra i partiti; secondo il sindaco di Salerno, condannato per abuso d'ufficio, quello della sospensione nei suoi confronti è "un problema superato perché la legge Severino non è applicabile a chi viene eletto per la prima volta".

Sul punto, tra l'altro, la Cassazione in Sezioni Unite ha stabilito che sul sollevamento temporaneo dall'incarico non decide il Tar ma il giudice ordinario. La pronuncia riguardava la sospensione del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ma potrà applicarsi a tutti casi analoghi. Intanto il M5S ha annunciato di aver presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Salerno indirizzato anche al Consiglio dei Ministri e al ministro dell'Interno con allegato un dossier contenente tutta la situazione giudiziaria di Vincenzo De Luca. "Abbiamo un candidato presidente di Regione condannato in primo grado interessato dalla legge Severino - spiega la candidata presidente grillina Valeria Ciarambino - che verrà sospeso un secondo dopo la sua eventuale elezione. A doversi pronunciare sulla revoca della sospensione o sulla eventuale decadenza non è più il Tar ma la giustizia ordinaria. Ora Renzi potrà giocare sporco ed eventualmente procrastinare questa sospensione dando il tempo a De Luca di nominare la giunta e il suo sostituto''.

Infuriato Maurizio Gasparri per il possibile mancato inserimento di De Luca nella lista degli impresentabili. L'ex ministro ha chiesto a Rosy Bindi, presidente dell'Antimafia, di parlare o di dimettersi "perché il giochino degli impresentabili che ignora De Luca è roba da personaggetti". Secondo Gasparri la Bindi "tace su De Luca, bloccato da una condanna, azzerando la sua credibilità, e trasformando l'antimafia in una pagliacciata ad uso del Pd".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"
Jorge Glas
CASO ODEBRECHT

Condannato il vicepresidente dell'Ecuador

Sei anni a Jorge Glas, già sospeso dalle funzioni: avrebbe intascato 14 milioni di dollari in tangenti