MARTEDÌ 12 MAGGIO 2015, 19:32, IN TERRIS

BUONA SCUOLA, NESSUN ACCORDO TRA GOVERNO E SINDACATI

Cgil, Cisl e Uil in coro: "Le modifiche al testo non bastano". Si rischia il blocco degli scrutini

FRANCESCO VOLPI
BUONA SCUOLA, NESSUN ACCORDO TRA GOVERNO E SINDACATI
BUONA SCUOLA, NESSUN ACCORDO TRA GOVERNO E SINDACATI
Fumata nera nell'incontro tra i sindacati della scuola - Flc-Cgil, Cisl scuola, Uil scuola, Gilda, Snals e anche Cobas - e il governo sulla riforma del ministro Giannini. Il vertice si era reso necessario a seguito della grande mobilitazione di insegnanti, dirigenti e personale Ata andata in scena in tre diversi appuntamenti: il 5 e il 6 maggio e oggi. Le sigle si sono dette insoddisfatte del confronto di Palazzo Chigi e annunciano nuove iniziative di protesta che potrebbero svolgersi anche durante il periodo degli scrutini.

"Ho apprezzato gli sforzi del Governo per apportare modifiche, ma sono insufficienti - ha detto il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo - Precariato, valutazione e contratto: sono questi - ha aggiunto - i tre punti su cui chiediamo interventi". La Giannini aveva esordito spiegando l'importanza dell'incontro odierno per fornire ai rappresentanti dei lavoratori "una visione complessiva del provvedimento in discussione in Parlamento in un'ottica di dialogo e condivisione". Il ministro ha poi riepilogato i contenuti della riforma e le modifiche apportate per andare incontro ai docenti.

"Le modifiche che sono state introdotte in parlamento non sono sufficienti perché non rimuovono i punti critici che noi non condividiamo - ha sottolineato il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan - . Se si fossero fatti prima altri incontri con il Governo sicuramente avremmo costruito un percorso più utile per cambiare la scuola". Mentre la Cgil, tramite il suo profilo Twitter, ha spiegato che "gli emendamenti approvati non modificano la sostanza. Cambiamento sì - si legge - ma non come vorrebbe il Governo".

Sulla Buona Scuola in giornata era intervenuto anche Matteo Renzi su Rep Tv. "Nel ddl ci sono 3 poteri ai presidi e noi stiamo cambiandone 2 su 3 - aveva detto - il preside proporrà il pof ma il consiglio di istituto lo approverà" così come sulla valutazione dei docenti "deciderà un nucleo di valutazione" mentre resta il potere del dirigente di scegliere gli insegnanti nelle graduatorie.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
Donald Trump
ATTACCO A NEW YORK

Trump: "Pene più severe per i terroristi"

Appello al Congresso: "Sistema lassista. Urgenti riforme sull'immigrazione"
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015