VENERDÌ 15 DICEMBRE 2017, 02:09, IN TERRIS


BANCA ETRURIA

Boschi: "Nessun favoritismo, non mi dimetto"

Il sottosegretario ospite a 'Otto e mezzo'. Scontro con Travaglio: "Fossi stata uomo non mi avrebbe tratta così"

MATTIA DAMIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Maria Elena Boschi
Maria Elena Boschi
"N

on mi dimetto, non sono attaccata alla poltrona ma alla verità". Parole decise quelle del sottosegretario Maria Elena Boschi, ospite a 'Otto e mezzo' su 'La7' per fornire l'ennesima versione sul caso Banca Etruria: un intervento richiesto per appianare la marea dopo le parole del direttore Consob Giuseppe Vegas, il quale aveva affermato di aver "avuto modo di parlare della questione con l’allora ministro Boschi", la quale espresse "un quadro di preoccupazione perché a suo avviso c’era la possibilità che Etruria venisse incorporata dalla Popolare di Vicenza e questo era di nocumento per la principale industria di Arezzo che è l’oro". Al tavolo di Lilli Gruber, il sottosegretario non ha mancato di menzionare Vegas, il quale "il 29 maggio 2014, mi chiese in modo inusuale un incontro a casa sua alle 8 di mattina e io risposi che dovevamo vederci in Consob o al ministero". Una richiesta che, pur incalzato in commissione banche, il direttore aveva affermato di non ricordare ma della quale Boschi ha affermato di avere un sms.


Boschi-Travaglio, botta e risposta

A ogni modo, come già anticipato nel corso delle scorse concitate ore, l'ex ministro non ha alcuna intenzione di lasciare il suo incarico per la vicenda Banca Etruria dalla quale, come ha nuovamente ribadito in trasmissione, "non c'è stato nessun favoritismo nei confronti di mio padre o della mia famiglia". A tenere banco in diretta, però, più che il duello a distanza con Vegas è il faccia a faccia con Marco Travaglio: "Incontrando il presidente Consob - ha detto il direttore del 'Fatto quotidiano' - ha interferito nella vicenda Etruria... e un ministro delle Riforme non ha alcuna titolarità per parlare di banche con il presidente di un'autorithy indipendente". Altrettanto dura la replica di Boschi: "In un Paese serio si ama la verità. Sono convinta se fossi stata un uomo Travaglio non mi avrebbe riservato lo stesso trattamento. Lei mi odia". E ancora, si riferisce al giornalista parlando di "accanimento" contro di lei allo scopo di trovare "un alibi per non cercare la verità sul sistema bancario".


Affondo a Di Maio

Travaglio però insiste: "Se un ministro parla con il presidente della Consob, nominato dal governo, non esercita una pressione esplicita, gli basta essere un ministro in carica". L'affermazione incorre in un nuovo diniego di Boschi che replica: "Confermo quanto detto in Parlamento, non ho mentito", ha spiegato specificando che "Travaglio risponderà di queste bugie con un'azione di risarcimento danni" in quanto ha affermato che "io ho interferito nell’azione di Consob". Mentre si consuma l'incontro-scontro con il direttore del 'Fatto', però, Boschi ne ha anche per il resto del mondo politico, Di Maio in primis: "L'onorevole oggi ha detto che sono come Mario Chiesa, spero non si nasconda dietro l'immunità e risponda di una frase così grave". Sulle possibili conseguenze del caso banche, qualora ve ne siano, il sottosegretario ha preferito non sbilanciarsi, specificando che "è il partito che decide se e dove candidarmi", chiarendo che "è giusto valutarmi per il lavoro che ho fatto, per esempio alle pari opportunità".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"

Maria Elena Boschi
"Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in...
NEWS
Inquinamento in una città italiana
DATI EUROPEI

Rapporto choc: l'Italia primo Paese dove si muore per inquinamento

Tassi altissimi al nord. Torino più inquinata di Parigi
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Chiara Lubich
FRASCATI

Chiara Lubich: si chiude la fase diocesana di beatificazione

Lo studio degli atti proseguirà presso la Congregazione delle cause dei santi
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...