GIOVEDÌ 06 DICEMBRE 2018, 10:06, IN TERRIS


MANOVRA

Bonus-malus sulle auto: governo diviso

Fa discutere l'emendamento che prevede sgravi o aggravi a seconda delle emissioni della vettura

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Un'auto elettrica
Un'auto elettrica
Il 

 bonus-malus sulle automobili, inserito con un emendamento nella manovra, rischia di essere il nuovo terreno di scontro all'interno della maggioranza. La norma prevede, in sostanza, sgravi o aggravi fiscali a seconda delle emissioni di Co2 della vettura. 


"Basta tasse"

Una misura che ha già fatto scattare la protesta del settore. Fra i contrari anche il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, secondo cui "mettere nuove tasse è l'ultima cosa da fare". "Se si vuole aiutare chi ha auto elettriche o ecologiche bene - ha detto a Mattino 5 - ma senza penalizzare chi ha o avrà un'auto a benzina o diesel perché il settore dell'auto è già tassato a livelli folli", aggiunge. A chi gli fa notare che la misura è stata avanzata dalla maggioranza, Salvini replica dicenco che "si può anche cambiare: la manovra passa al Senato e torna alla Camera".


La misura

L'emendamento prevede un'imposta crescente - dai 150 ai 3mila euro - a partire dal gennaio 2019 se si immatricolerà un'auto nuova con emissioni superiori ai 110 g/km. Viceversa è previsto un incentivo - da 6.000 a 1.500 euro - per i veicoli con emissioni tra 0 e 90 g/km di CO2. Il vantaggio sarà, dunque, per chi acquisterà auto elettriche, particolarmente costose. "Si tratta di un bonus bonus malus sulle auto che permette di pagare meno tasse e avere meno aggravi in base a quanto fa di emissioni la macchina. Le auto elettriche costeranno di meno e finalmente le portiamo sul mercato, dove finora hanno avuto una quota irrisoria. Ci saranno fino a 6 mila euro di incentivi per l'acquisto di un'auto elettrica". 


Proteste

A protestare contro la misura sono sia imprese che sindacati. "Finirà che gli operatori del settore auto e i lavoratori dovranno scendere in piazza insieme. Il governo è di nuovo riuscito a unire imprese e lavoratori nella protesta" ha spiegato il presidente di Federmeccanica, Alberto Dal Poz. L'Unrae, associazione delle case estere in Italia, ha parlato di "misura miope che non aiuta a rinnovare il parco auto". Concordano tutti i sindacati. "Dal Governo l'ennesimo schiaffo all'industria nazionale e all'ambiente. Queste norme schizofreniche sono un danno per il Paese e i lavoratori", ha affermato Marco Bentivogli, segretario generale della Fim Cisl. "Gli investimenti già programmati verranno messi in discussione, e le ripercussioni saranno pesantissime per l'occupazione", ha sottolineato Ferdinando Uliano, segretario nazionale della Fim. Per il numero uno della Uilm, Rocco Palombella, "colpire il comparto dell'auto significa mettere a repentaglio decine di migliaia di posti di lavoro". E' una "misura estemporanea" anche per Michele De Palma, segretario nazionale Fiom e responsabile automotive, che chiede al governo di "non investire per pochi, ma per le auto di massa ecologiche e nel car sharing ibrido ed elettrico".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione

Positivo all’alcoltest chiama il padre, ma è ubriaco anche lui

L’uomo per evitare il sequestro dell’auto si è fatto venire a prendere dai genitori, ma al padre hanno...