LUNEDÌ 11 FEBBRAIO 2019, 12:33, IN TERRIS


INTERROGAZIONE PARLAMENTARE

"Basta pensioni ai partigiani responsabili delle foibe"

Insorgono due senatori di FdI e uno di FI. E intanto la Meloni chiede di revocare l'onorificenza a Tito

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Foiba di Basovizza
Foiba di Basovizza
L

o Stato italiano elargirebbe la pensione a cittadini della ex Jugoslavia, alcuni dei quali, militanti tra le fila partigiane, artefici della persecuzione anti-italiana e degli infoibamenti. La questione è dibattuta da anni. Già nel 2000 due senatori di Alleanza Nazionale, Antonio Serena e Paolo Danieli, presentarono un'interrogazione parlamentare in proposito. Secondo i calcoli fatti all'epoca dai due senatori aennini, la spesa dell'ente di previdenza sociale per i cittadini dell'ex Jugoslavia sarebbe di circa 200miliardi di vecchie lire l'anno. Ora se ne torna a parlare.


La nuova interrogazione parlamentare

"Revocare con effetto immediato le centinaia di pensioni corrisposte a cittadini dell'ex-Jugoslavia corrisposte esclusivamente in relazione alla loro attività bellica nel periodo 8 settembre 1943-10 febbraio 1947, con riserva di richiedere la restituzione degli importi finora versati secondo i termini di prescrizione di legge riguardanti le pensioni, ritenendo nullo l'acordo Italia-Jugoslavia del 1957", si legge nel testo presentato alla Camera dal deputato di Fratelli d'Italia, Federico Mollicone insieme a Walter Rizzetto (anche lui FdI) e a Guido Germano Pettarin (FI) e anticipata dall'agenzia Adnkronos. "Non è moralmente e politicamente accettabile che lo Stato italiano continui a erogare, tramite l'Inps, pensioni a personaggi non più cittadini italiani ritenuti corresponsabili di efferati delitti a danno di cittadini italiani inermi e incolpevoli, e comunque non meritevoli per azioni effettuate a favore e a sostegno dell'Italia", scrivono i deputati di centrodestra, "Come appare del tutto incongruente proseguire nell'applicazione di tale accordo considerato sia la mutata situazione politica della ex-Jugoslavia a seguito del suo dissolvimento e la costituzione di molteplici Stati autonomi".


"Revocare l'onorificenza a Tito"

Nei giorni scorsi la presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, in un'intervista a La Verità aveva annunciato di voler intraprendere una battaglia parlamentare per far revocare l'onorificenza che lo Stato italiano concesse al maresciallo Tito, presidente della Jugoslavia ai tempi degli infoibamenti degli italiani. “Se l'Italia ha istituito il 10 febbraio come Giorno del Ricordo in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata è sicuramente merito della destra e dal ruolo fondamentale giocato dalle organizzazioni giovanili di Alleanza Nazionale. La legge fu votata da quasi tutto il Parlamento. Tranne che dagli eredi del comunismo. Evidentemente si sentivano, e si sentono, ancora vicini a quei criminali. Ora è necessario revocare l’onorificenza che ancora è concessa a Tito. In Parlamento c’è una nostra proposta di legge”.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La casa dei Turpin a Perris, California
LA SENTENZA

Casa degli orrori in California: 25 anni ai coniugi

I due avevano vissuto per anni a Perris segregando in casa i loro figli, incatenati e denutriti
Sergio Mattarella
ELEZIONI EUROPEE

Mattarella: "Sovranismo? Non minaccerà l'Ue"

Il Capo dello Stato a "Revue de Politique Internationale": "Sull'immigrazione servono soluzioni europee"
Corydalis densiflora subsp. apennina
MARCHE - UMBRIA

Scoperta una nuova pianta sugli Appennini

L'Italia è il terzo Paese più ricco di diversità vegetale dell'area mediterranea
Sfruttamento della prostituzione
TORINO

Sfruttamento della prostituzione: 11 arresti

I fermati sono 8 donne e 3 uomini tutti di nazionalità nigeriana
Armando Siri
CAOS GOVERNO

Siri si difende: "Usato come carne da macello"

Il sottosegretario: "Tangente? Ma siamo matti? Mai preso un soldo"
La chiesa dell'Abbazia di Praglia
PADOVA

L'acqua e i benedettini, tra storia e discernimento

Nell'Abbazia di Praglia, i cicli di seminari di "Armonie composte - Gestione, cura e costruzione del suolo"