SABATO 23 MARZO 2019, 20:00, IN TERRIS


REGIONALI

Basilicata al voto: tutto quello che c'è da sapere

In tre sfidano il centrosinistra, che governa ininterrottamente dal 1995

DANIELE VICE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Urna elettorale
Urna elettorale
Q

uasi 400 mila cittadini sono chiamati a rinnovare il Consiglio regionale e a eleggere il presidente della Basilicata


La sfida

Quattro i candidati, nessun politico di professione. Il Movimento Cinque Stelle propone Antonio Mattia, 47 anni, di Potenza, laureato in giurisprudenza e gestore di un centro ludico-ricreativo per bambini e famiglie nel capoluogo lucano. Mattia è sostenuto dalla sola lista pentastellata, dopo aver vinto vinto le "regionarie" sulla piattaforma Rousseau. A scegliere come candidato della coalizione di centrodestra l'ex generale della Guardia di Finanza Vito Bardi, 68 anni, potentino d'origine residente a Napoli, è stato Silvio Berlusconi in persona. Bardi ha un robusto curriculum: 4 lauree, un master e svariati incarichi di comando svolti durante la carriera militare. A sostenerlo ci sono cinque liste: Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega, Bardi Presidente-Basilicata positiva e Idea-Un'Altra Basilicata. A raccogliere la pesante eredità di Marcello Pittella, dopo gli scandali legati alla sanità, per il centrosinistra, è chiamato Carlo Trerotola, 61 anni, altro potentino, titolare di una farmacia nel capoluogo. Con lui sette liste: Comunità democratiche-Pd, Basilicataprima Riscatto, Progressisti per la Basilicata, Psi, Lista del Presidente Trerotola, Avanti Basilicata e Verdi. Completamente sganciato dai partiti è il quarto candidato governatore: Valerio Tramutoli, 61 anni, anche lui di Potenza. Docente di fisica dell'Università degli studi della Basilicata, corre con l'appoggio dalla sola lista "Basilicata possibile".


Legge elettorale

La regione lucana è governata ininterrottamente dal centrosinistra dal 1995, anno in cui entrò in vigore il Tatarellum, la legge elettorale regionale che assegna la regione al candidato presidente che arriva primo, indipendentemente dalla percentuale di voti ottenuta. Nel 1995 vinse Dinardo, nel 2000 Bubbico, nel 2005 e nel 2010 De Filippo, nel 2013 Pittella.


Come si vota

Le urne resteranno aperte dalle 7 alle 23. La provincia di Potenza eleggerà 13 consiglieri, quella di Matera 7. E' vietato il voto disgiunto ed è possibile dare due preferenze, purché di sesso diverso. e il candidato presidente sarà eletto almeno con il 40% dei voti, avrà garantiti almeno 12 seggi; con il 30%, 11 seggi; con meno del 30%, saranno garantiti solo 10 seggi (in questo caso la maggioranza sarebbe garantita dal seggio del presidente stesso). In nessun caso, la lista o la coalizione che sostengono il candidato eletto potrà però avere più di 14 seggi. La soglia di sbarramento per una singola lista è del 3%, per una coalizione è dell'8%. Se la coalizione non raggiungesse l'8% ma una sua lista superasse il 4%, quella singola lista sarebbe ammessa al riparto dei seggi. A livello nazionale il centrodestra governa 10 regioni, il centrosinistra 9, inclusa la Basilicata. 

 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Teste di cuoio
LOURDES

L'ex militare si arrende alla polizia

L'unica ferita è l'ex compagna dell'uomo: raggiunta da un colpo di arma da fuoco
L'Ilva di Taranto
ILVA

Si dimettono i commissari straordinari

Lettera recapitata al Mise. Di Maio: "Grazie per il lavoro svolto, inizia fase due"
Luigi Di Maio
25 APRILE

Di Maio attacca: "Chi lo nega era anche a Verona"

Il vicepremier critico: "Coloro che negano la festa della Liberazione passeggiavano con gli antiabortisti"
Simbolo Eurostat
COMUNITÀ EUROPEA

Eurostat: debito in crescita nel 2018

Il deficit è invece sceso al 2,1%, dal 2,4% del 2017
Armando Siri
IL CASO

Siri, Salvini: "Giudici facciano in fretta"

Il vicepremier: "Si è colpevoli solo con condanna". Morra: "Intollerabile presenza nel governo"
Coltello
ROMA

Gli vede il crocifisso al collo, tenta di sgozzarlo

Il fatto alla vigilia di Pasqua vicino la stazione Termini. Marocchino l'aggressore