VENERDÌ 08 LUGLIO 2016, 10:31, IN TERRIS

BANCHE, L'EUROGRUPPO GELA L'ITALIA MA LA BCE APRE AGLI AIUTI

Dijsselbloem: "In passato si potevano risanare anche con soldi pubblici". Draghi: "Dopo Brexit serve una riflessione"

DANIELE VICE
BANCHE, L'EUROGRUPPO GELA L'ITALIA MA LA BCE APRE AGLI AIUTI
BANCHE, L'EUROGRUPPO GELA L'ITALIA MA LA BCE APRE AGLI AIUTI
Le banche italiane potevano essere risanate prima, usando soldi pubblici. Oggi le regole sono più stringenti. Jeroen Dijsselbloem, il presidente dell'Eurogruppo, gela l'Italia alle prese con il caso Montepaschi, ma dal vicepresidente della Bce arriva un'apertura senza precedenti a Roma nel negoziato con la Commissione Ue: dopo Brexit occorre una "profonda riflessione" se non valga la pena dare aiuti pubblici. Anche derogando al principio della ripartizione degli oneri con gli investitori privati. In una giornata, quella di ieri, caratterizzata da nuova instabilità di Piazza Affari a causa delle banche, con Mps a nuovi minimi record, due nomi di peso si affacciano sulla trattativa fra Roma e Bruxelles.

Dijsselbloem, da sempre vicino alle posizioni tedesche, ribadisce che un sostegno in questa fase di tumulto sui mercati non può avvenire eludendo la direttiva sulle banche e le nuove regole della direttiva europea sui salvataggi. "Altri Paesi sono riusciti a ristrutturare le proprie banche con mezzi pubblici e gli italiani non lo hanno fatto allora - ha detto intervenendo all'Aja - ma ora abbiamo regole più severe". Nel caso italiano, significa che un'iniezione di fondi pubblici, a partire dal primo banco di prova, in Montepaschi, deve avvenire col contributo di una conversione delle obbligazioni subordinate in capitale. A meno che non vi sia il rischio di instabilità finanziaria, come prevede una deroga al principio generale prevista dalle norme Ue.

Un irrigidimento che somiglia a una replica alle parole del premier Matteo Renzi, che aveva buttato la palla nel campo europeo dicendo che la vera questione sono i derivati delle banche continentali (riferimento implicito a Deutsche Bank). E' la Bce, per bocca non dell'italiano Mario Draghi ma del suo vice, a tendere una mano, implicitamente, alle ragioni italiane. "La situazione attuale, con nuovi cali delle azioni dopo Brexit, merita una profonda riflessione sull'opportunità di superare alcune imperfezioni del mercato con un po' di sostegno pubblico per migliorare decisamente la stabilità di alcuni settori bancari".

Il timore di Francoforte è quello che infliggendo perdite agli obbligazionisti subordinati, come prevede la regola generale, possa creare instabilità: è la fattispecie che consentirebbe di derogare al principio della "condivisione degli oneri" fra intervento pubblico e privati. Per Constancio "naturalmente" le regole vanno applicate, ma vanno considerate "nel complesso", incluso il possibile utilizzo della deroga per ragioni di stabilità finanziaria".

Un ragionamento che fa breccia nei circoli finanziari internazionali: l'Economist parla di quella italiana come una situazione esplosiva che, se mal gestita, "potrebbe segnare il disfacimento dell'Eurozona" innescando un effetto domino. E consiglia all'Europa di chiudere un occhio: se salta il tappo delle banche, Renzi rischia il referendum e a quel punto potrebbe tornare il caos politico. La trattativa tra Roma e Bruxelles, vede contatti "continui" ma "la nostra posizione non cambia", dice il portavoce della commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, che vigila sul rispetto delle norme sugli aiuti di Stato.

Resta da vedere se il peso politico della Bce, oltre alle sue valutazioni tecniche, non sposteranno la Commissione Ue dalle sue posizioni. Molto dipenderà da Berlino, che rimbrotta più o meno esplicitamente che Roma doveva muoversi prima, quando invece diceva "le nostre banche stanno meglio di quelle degli altri". Angela Merkel ha lo spettro delle elezioni l'anno prossimo, una linea troppo morbida favorirebbe gli euroscettici con conseguenze imprevedibili. Ma una fase di instabilità interna nell'Eurozona potrebbe rappresentare una prospettiva ancora più preoccupante.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Una foto d'archivio di Pietro Orlandi con il manifesto che ricorda la sorella Emanuela
GIALLO IRRISOLTO

Caso Orlandi, presentata denuncia in Vaticano

L'avvocato Sgrò: "Emersi nuovi dati, speriamo che la Gendarmeria indaghi"
Il premier Gentiloni e il ministro dell'Economia Padoan
ETÀ PENSIONABILE

Nel 2019, stop all'aumento a 67 anni per 14.600

Presentato l'emendamento del Governo: aumentano a 15 i lavori gravosi
Papa Francesco riceve in udienze le famiglie francescane in Vaticano
VATICANO

La peggiore delle mondanità secondo Bergoglio

Il Pontefice riceve in udienza il Primo e Terz’Ordine regolare francescano
Monsignor Lorenzo Leuzzi
VESCOVI

Monsignor Leuzzi trasferito a Teramo

Nominati ausiliari a Roma don Paolo Ricciardi e padre Daniele Libanori
Le macerie di Ghouta
SIRIA

Allarme dell'Onu: "A Ghouta mancano i farmaci"

Nella cittadina in 4 giorni sono state uccise 84 persone, mentre 659 sono rimaste ferite
Papa Francesco celebra la Santa Messa nella Domus Santa Marta, in Vaticano Photo © L’Osservatore Romano
VATICANO | SANTA MARTA

"La dittatura ideologica distrugge la memoria dei popoli"

Papa Francesco mette in guardia dalle colonizzazioni culturali del nostro tempo
Milano, il parco di Villa Litta
CHOC A MILANO

Donna trovata morta a Villa Litta

La 67enne presentava una profonda ferita alla gola: si sospetta un omicidio
LEGGE DI BILANCIO 2018

Bonus bebè: resta o no?

Si potrebbe decidere di rifinanziare la misura in scadenza nel 2017