VENERDÌ 30 NOVEMBRE 2018, 11:30, IN TERRIS


CORRIDOI UMANITARI

Atterrati 70 profughi a Fiumicino

I volontari della Comunità di Sant'Egidio hanno accolto i rifugiati siriani provenienti dal Libano

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Corridoi umanitari di Sant'Egidio
Corridoi umanitari di Sant'Egidio
S

ono atterrati all'aeroporto di Fiumicino i settanta profughi siriani attesi a Roma nell'ambito del progetto dei Corridoi Umanitari. Si tratta di un'inziativa promossa dalla Comunità di Sant'Egidio con la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia e Tavola Valdese, in collaborazione con la Farnesina ed il Viminale. I rifugiati arrivano in Italia a spese delle associazioni che si occuperanno anche della loro accoglienza. Questo progetto si propone di tutelare prima di tutto la sicurezza delle persone che approdano, risparmiando loro le sofferenze e i pericoli che comportano le traversate di fortuna, e garantisce la piena legalità, ponendosi in contrasto con il fenomeno criminale dell'immigrazione clandestina. Ad accogliere i settanta rifugiati - in maggioranza famiglie con donne e bambini - sono stati i volontari della Comunità di Sant'Egidio che hanno donato loro fiori come segno di benvenuto in Italia.


La situazione siriana

I settanta profughi atterrati questa mattina all'aeroporto internazionale Leonardo da Vinci di Fiumicino sono partiti dal Libano. Dal 2011 ad oggi, il Paese dei Cedri è quello che ha maggiormente risentito dell'esodo di siriani fuggiti dalle zone di guerra dopo aver perso le loro case. Del dramma che continua a vivere ancora oggi il popolo siriano ha parlato ieri in un'intervista ad In Terris monsignor Youhanna Jihad Battah, vicario generale a Beirut della Chiesa siro-cattolica, chiedendo agli Stati europei un aiuto concreto sul territorio. 


L'altro corridoio umanitario

Il 14 novembre scorso c'era stato, invece, il primo corridoio umanitario da quando si è insediato il nuovo governo a Palazzo Chigi. Erano arrivati 51 rifugiati dal Niger, originari di Sudan, Eritrea e Somalia. In questo caso si era trattato di un'iniziativa promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII in collaborazione con il ministero dell'Interno e dell'Unhcr, l'Alto Commissariato delle Nazioni Uniti per i rifugiati. Ad accoglierli presso la base militare di Pratica di Mare erano stati il ministro Matteo Salvini, il presidente dell'Apg 23 Giovanni Paolo Ramonda e don Aldo Buonaiuto, sacerdote della Comunità e direttore di In Terris.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BERGAMO

Due fratelli muoiono durante un bagno nel lago d’Iseo

Non sapevano nuotare, per i carabinieri potrebbe averli inghiottiti una buca sott’acqua. Cinque morti in due giorni
TOSCANA

Ecco gli eredi di giullari e menestrelli

Un festival dedicato ai poeti ambulanti e al repertorio dei cantastorie
MIGRANTI

Open Arms, la polizia nella sede della Guardia Costiera

Ieri l'appello del presidente dell'Europarlamento, David Sassoli, affinché l'Italia consenta lo sbarco

Due punti fondamentali

Siamo finiti in un grande confusione, ed è difficile comprendere quali esiti finali avrà la crisi di...
Peter Fonda in Easy Rider
CINEMA

E' morto Peter Fonda, la star di Easy Rider

L'attore, figlio del grande Henry, aveva 79 anni. Con il film capolavoro del 1969 segnò un'intera generazione

Positivo all’alcoltest chiama il padre, ma è ubriaco anche lui

L’uomo per evitare il sequestro dell’auto si è fatto venire a prendere dai genitori, ma al padre hanno...