VENERDÌ 21 APRILE 2017, 17:07, IN TERRIS

Attacco sugli Champs Elysee, Mattarella: "Gesto vile, il terrore non ci fermerà"

Il Capo dello Stato: "Le nazioni europee continueranno a riconoscere, tutelare e promuovere i valori fondanti della democrazia"

REDAZIONE
Attacco sugli Champs Elysee, Mattarella:
Attacco sugli Champs Elysee, Mattarella: "Gesto vile, il terrore non ci fermerà"
"La viltà del gesto criminale di ieri sera suscita in tutti noi la più ferma condanna. L'Italia è a fianco della Francia nella piena e comune adesione agli irrinunciabili principi di libertà che, in democrazia, trovano piena e concreta attuazione nel momento elettorale". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante l'incontro al Quirinale con gli esponenti delle associazioni combattentistiche e d'arma. Nessuna forma di terrorismo, per quanto cruenta, ha scandito, "farà recedere le nazioni europee dal fermo proposito di riconoscere, tutelare e promuovere i valori fondanti delle nostre società democratiche".

Quanto accaduto a Parigi, ha aggiunto, "ci riporta alla pericolosità del terrorismo e all'esigenza di una difesa salda, forte, decisa e responsabile che garantisca costantemente i valori della democrazia e della libertà". Quello terroristico " è un assalto contro la democrazia, la libertà, la vita umana".

Anche per questo e rispetto a questi pericoli, ha spiegato il capo dello Stato, "risalta ancor di più il contributo delle nostre Forze Armate oggi e in tante parti del mondo per difendere la pace e le condizioni di sicurezza che consentono ad altre comunità nel mondo e all'intera comunità internazionale sicurezza, stabilità e pace nei tanti posti in questa è posta in pericolo. E' una continuazione degli stessi valori e principi che oggi ricordiamo e ribadiamo" ha sottolineato riferendosi alle celebrazioni del 25 aprile.

Questi giorni, ha evidenziato, "ci riportano al sacrificio e ai meriti storici incancellabili di chi ha restituito al nostro Paese la libertà e la dignità". La Festa della Liberazione ci riconduce "alle origini della nostra democrazia e della nostra convivenza al sacrificio dei tanti che persero la vita per la libertà, per ridare all'Italia la sua dignità" ha proseguito il Presidente, sottolineando come "questo percorso di profondo dolore e sacrificio del nostro Paese sia un percorso da rammentare, da custodire nella memoria e tramandare: significa rinverdire e conservare le origini della nostra democrazia".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Jana Novotna con il trofeo vinto a Wimbledon, nel 1998
TENNIS

Addio a Jana Novotna, la regina del doppio

La tennista ceca si è arresa al canrco a 49 anni. In carriera una vittoria a Wimbledon nel singolo, nel 1998
Domenica Rita Adriana Bertè (Mimì) alias Mia Martini
TRIBUTO

Mantova ricorda Mia Martini: quest'anno avrebbe compiuto 70 anni

La direzione artistica è affidata a Mimmo Cavallo
Il pianeta gassoso Giove
SISTEMA SOLARE

L'acqua terrestre viene da Giove

Ridimensionata la teoria secondo la quale proverrebbe da asteroidi e comete
L'on. Franceschini all'inaugurazione di
MOSTRA

Napoli: al via "Pompei@Madre. Materia Archeologica"

Franceschini: "Inaugurata la mostra più importante dell'anno in Italia"
CAMORRA

Napoli, blitz contro clan Lo Russo: 43 arresti

Sono accusati, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso
Matteo Renzi e Giuliano Pisapia
PD AL LAVORO

Renzi snobba gli attacchi e cerca l'asse con Pisapia

Il segretario detta la linea della "tranquillità". Fassino e Martina a colloquio con l'ex sindaco