MARTEDÌ 12 MARZO 2019, 09:49, IN TERRIS


TERMINI IMERESE

Arrestati i vertici Blutec

La società si è insediata al posto degli ex stabilimenti Fiat

FRANCESCO VOLPI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La sede della Blutec
La sede della Blutec
L

a misura dgeli arresti domiciliari è stata disposta nei confronti del presidente del cda e dell'ad della Blutec di Termini Imerese, la società che si è insediata nell'ex stabilimento Fiat. L'intero complesso aziendale e beni per oltre 16,5 milioni di euro saranno, invece, sottoposti a sequestro. 


L'operazione

Il blitz è scattato nell'ambito di un'attività investigativa coordinata dalla procura della Repubblica di Termini Imerese. I finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Palermo hanno eseguito l'ordinanza emessa dal gip Termitano per il reato di malversazione a danno dello Stato. Al centro del caso Blutec, emerso nei mesi scorsi, anche la restituzione di 20 milioni a Invitalia. Stabilita una misura interdittiva concernente il divieto per la durata di 12 mesi di esercitare imprese e uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese. 


Le accuse

Il presidente e l'amministratore delegato della Blutec Roberto Ginatta e Cosimo Di Cursi devono rispondere della sparizione di gran parte della somma, tra i 20 e 21 milioni che lo Stato attraverso Invitalia aveva affidato all'azienda per favorire il rilancio del sito di Termini Imerese. Da qui il sequestro di oltre 16,5 milioni, coni sigilli apposti all'intera società con sede in provincia di Torino, a Rivoli.


La vicenda

Risale allo scorso 5 marzo l'ultimo incontro al ministero dello Sviluppo economico che doveva provare a togliere dalle nebbie sul futuro dell'ex Fiat e un nuovo incontro era stato fissato per il 9 aprile. Sul tavolo i vertici dell'azienda avevano messo un presunto interessamento di due imprese cinesi. Anche questa un'altra mossa per prendere tempo? E' un fatto che punto cruciale della vertenza è legato proprio alla mancata attuazione del piano industriale sottoscritto al ministero e sul quale Invitalia ha investito 20 milioni e che ha generato la richiesta della società pubblica di rientro da parte di Blutec del finanziamento. Richiesta disattesa. Passi contraddittori quelli dell'impresa. A novembre aveva presentato l'ennesimo progetto di rilancio del polo industriale palermitano che prevedeva l'occupazione di 694 lavoratori entro il 2020, con un cronoprogramma che avrebbe dovuto garantire dicembre 2018 l'ingresso di 115 lavoratori, a settembre 2019 di altri 100 e a dicembre 2019 di ulteriori 344. Questi obiettivi sarebbero stati garantiti dalla eventuale conferma di tre iniziative industriali: elettrificazione del Doblò e del Ducato, assemblaggio delle batterie Samsung. L'azienda aveva sostenuto che stava procedendo a fornire tutte le documentazioni alla Guardia di finanza relativamente al vecchio contratto di sviluppo e di avere realizzato una nuova proposta da sottoporre a Invitalia per realizzare il piano industriale. 

Il 5 marzo l'azienda aveva presentato gli aggiornamenti nel suo piano industriale che con le commesse del Doblò, dei cicli elettrici di cui sono già in produzione i prototipi, la commessa Garage Italia, la Xev e la Jiayuang ed un affidamento con Fca per la produzione delle batterie per il Ducato dovrebbe entro la fine del 2019 riassorbire interamente la forza lavoro attualmente fuori dalle attività produttive. Un piano, hanno detto le sigle, basato su gare e affidamenti non ancora concretizzati per circa la sua metà. E su un "gentleman agreement" con Fca di cui non si ha riscontro. In più è parte integrante del piano la soluzione della cessione del settore metallic alla Magneto che, dovendo essere definito già lo scorso febbraio, resta ancora incompiuto. Era stato chiesto a che punto fosse la restituzione, frutto dei precedenti impegni in sede ministeriale, del primo prestito di Invitalia senza il cui saldo, non si potrà dare forzaal secondo Piano di sviluppo che coinvolge la societa' a sostegno del progetto Blutec. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
Sassuolo-Roma 0-0. Under inseguito da Rogerio
SERIE A

Sassuolo-Roma a reti bianche: vince la contestazione

Tifosi giallorossi contro la società dopo il caso De Rossi. In coda pari Cagliari-Genoa, vince l'Udinese
Matteo Salvini al comizio milanese
EUROPEE

Salvini: "Non mi fermo davanti a niente e nessuno"

Al comizio dell'evento "Prima l'Italia, il buonsenso in Europa", il leader della Lega: "Qua non...
Passeggeri su un convoglio Trenord
MILANO

Maxi rissa in treno: 4 feriti

Tre gambiani e un senegalese sono finiti in ospedale
I soccorsi

Torino: anziano aggredisce donna incinta

L'uomo si è scagliato anche contro i carabinieri che lo stavano arrestando
Il camper della famiglia dopo il rogo
CONFESSIONE CHOC

Cagliari, la madre di Esperanza: "L'ho soffocata io"

Della bimba di 20 mesi si erano perse le tracce il 23 dicembre scorso