MERCOLEDÌ 01 MAGGIO 2019, 18:44, IN TERRIS

PRIMO MAGGIO

Appello del sindaco di Amatrice a Conte

Il primo cittadino Palombini al premier: "Si ricordi di quanti hanno perso il lavoro per il terremoto"

SIMONE PELLEGRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Amatrice dopo il terremoto
Amatrice dopo il terremoto
U

na lettera scritta nel giorno della Festa dei Lavoratori. Il Sindaco di Amatrice, Filippo Palombini, prende carta e penna e si rivolge al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per tornare a far luce sulla questione della ricostruzione. Palombini parla del lavoro post-terremoto, ma anche del lavoro che non c'è più a causa del sisma che nel 2016 ha scosso il Centro Italia.


L'appello

"Signor Presidente - si legge nella missiva -, Le scrivo perché il primo maggio si parlerà di un tema che è nel cuore di tutti gli italiani: il lavoro. Lei e tante altre cariche istituzionali parlerete della sua importanza nella vita democratica, pilastro di una Costituzione di cui è fondamenta irrinunciabile. Immagino che tutti, giustamente, evidenzierete come il lavoro rappresenti la dignità dell’individuo e il fondamento del vivere civile". Il primo cittadino del comune del reatino dice di chiedere al premier "di più". "Anche io ogni giorno - spiega - ringrazio i lavoratori del terremoto, dai soldati che nei momenti più drammatici hanno rappresentato, con grande generosità e professionalità, l’immagine più bella della nazione. E insieme a loro, la mia riconoscenza va alla Protezione Civile, ai volontari, alla Polizia, all’Arma dei Carabinieri, che con il loro esempio e la loro dedizione, hanno lasciato un segno indelebile nella memoria dei miei concittadini, nella storia delle loro famiglie e nella storia di Amatrice". Palombini però aggiunge: "Ma insieme ai lavoratori del terremoto, ci sono anche e soprattutto i lavoratori che hanno perso il lavoro a causa del terremoto. Ho paura, infatti, che nel giorno della loro festa, in pochi si ricorderanno di noi, di quella parte dell’Italia, dove il dramma ha dato ancora un significato in più al lavoro: non il lavoro come benessere, ma come sopravvivenza, non come dignità dell’individuo, ma come segno di futuro per intere comunità".


Oltre 12mila posti di lavoro persi

Ecco allora l'appello finale: "Signor Presidente, proprio in questi giorni si discute l’ennesimo decreto che, come gli altri, sembra anch’esso destinato a diventare l’ennesima occasione sprecata, l’ennesima delusione rispetto a promesse fatte e non mantenute. Ma soprattutto, e La invito a riflettere, un decreto che non fa menzione degli oltre 12mila posti di lavori spazzati dagli eventi, un decreto nel quale la parola ‘lavoro’ non è nemmeno nominata. Se non lo fanno gli altri, signor Presidente, lo faccia Lei. Si ricordi di questa gente, che in occasione della sua visita ad Amatrice e nelle frazioni circostanti l’ha fatta commuovere; faccia sentire il senso dell’impegno delle istituzioni e il valore della parola data. Non ci faccia sentire abbandonati, ma accolti. Lei, nell’atto del Suo insediamento si è definito 'avvocato del popolo', difenda anche noi".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La palazzina crollata
CATANIA

Crolla palazzina: evacuate 7 persone

Non ci sarebbero né vittime né feriti, si cercano dispersi in via precauzionale
Le Sardine a Bologna
VERSO LE REGIONALI

Sardine a Bologna: "Siamo 40 mila"

Raduno a una settimana dalle elezioni in Emilia-Romagna. Santori: "Risvegliato il senso civico"

"Fare i fessi" per il Vangelo

Nel Vangelo di questa domenica abbiamo Giovanni che indica l'Agnello di Dio che prende sopra di sé i peccati...
La Skoda coinvolta nell'incidente
MILANO-VENEZIA

In bici sull'A4: muore sul colpo travolto da un'auto

Non è stato ricostruito il motivo per cui la vittima fosse in bicicletta in autostrada
Khalifa Haftar e Fayez al-Sarraj
LIBIA

Haftar chiude i terminal di petrolio

Onu: conseguenze devastanti. Sarraj potrebbe disertare la Conferenza di Berlino
I soccorsi a Rigopiano
COMMEMORAZIONE

"Aspettiamo ancora giustizia"

Nel terzo anniversario della tragedia di Rigopiano i familiari delle 29 vittime aspettano di conoscere la verità
Canto liturgico
DIOCESI ALIFE-CAIAZZO

Al via gli appuntamenti "Musica e canto nella Liturgia"

Prevedono sia teoria che pratica spaziando dall'animazione liturgica ai laboratori vocali e strumentali
Agenti di polizia
PUGLIA

Lamorgese: "Da lunedì 20 nuovi poliziotti a Foggia"

Specializzati nella tutela delle persone sottoposte a protezione personale
Migranti dell'Honduras in viaggio verso gli Usa attraverso il Messico
MESSICO

"Agiamo come il Buon samaritano, la politica è ambigua"

Le parole di mons. Calderón, vescovo di Tapachula, sulla carovana di migranti partita dall'Honduras
Il luogo della sparatoria
UTAH | USA

Sparatoria in una casa a Salt Lake City: 4 morti

C'è anche un ferito, sono tutti membri della stessa famiglia
Unicef in Libia
SOLIDARIETÀ

Libia: decine di migliaia di bambini tra violenze e caos

Lo denuncia Unicef: "Danneggiate circa 30 strutture sanitarie; 200.000 bimbi senza scuola"
Emmanuel Macron
FRANCIA

Parigi, dura contestazione contro Macron

Una trentina di manifestanti tentano un blitz al Theatre Bouffes du Nord: nel mirino la riforma delle pensioni
Laboratorio

La madre di tutte le battaglie

Purtroppo, ormai da molto tempo, gli attacchi ai valori antropologici che costituiscono il fondamento di una...
Memoriale per Daphne Caruana Galizia
MALTA

Caso Caruana Galizia: il capo della polizia si dimette

L'annuncio è stato fatto dal nuovo premier maltese Abela: presto riforma su procedura di nomina. Il commento del...