MERCOLEDÌ 22 APRILE 2015, 16:01, IN TERRIS

AMA, DOPO 38 ANNI LA PRIMA GARA PRIVATA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dopo sei anni di trattative private e ordinanze l'azienda capitolina sta per salutare Manlio Cerroni

CLAUDIA GENNARI
AMA, DOPO 38 ANNI LA PRIMA GARA PRIVATA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI
AMA, DOPO 38 ANNI LA PRIMA GARA PRIVATA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI
Finisce un’era per l’Ama, che si prepara a chiudere con Manlio Cerroni. L’azienda capitolina dei rifiuti sta infatti per mettere a bando per la prossima settimana una gara che riguarda le circa 600mila tonnellate di rifiuti indifferenziati di Roma, che dal 2009 vengono trattate nei due impianti di Malagrotta, e dal 2013 anche nel tritovagliatore di Rocca Cencia, che fanno capo al “magnate dei rifiuti”. L’azienda di Fortini cambia decisamente pagina: dopo sei anni di contratti a trattativa privata, e anche di ordinanze in alcuni casi, che hanno consentito all’avvocato Cerroni di occuparsi del trattamento di quasi un terzo della produzione capitolina di immondizia. Ama per la prima volta lancerà una competizione proponendo un accordo di programma per quattro anni, per un totale di 2,4 milioni di tonnellate totali da trattare e successivamente smaltire nei termovalorizzatori.

È stato proprio Fortini ad annunciare la novità durante una riunione con le organizzazioni sindacali: “Per la prima volta da 38 anni la società metterà a gara tutti i rifiuti indifferenziati”, evitando così di consegnarli “per vie spicce all’avvocato Cerroni senza una procedura di gara”. La svolta epocale arriva “grazie all’iniziativa del governo Renzi – dice ancora il numero uno della municipalizzata – che con l’articolo 35 dello Sblocca Italia ha stabilio che l’Italia è una”, e dunque chi ha bisogno di utilizzare impianti di recupero energetico dei rifiuti “può farlo nell’ambito nazionale e chi ha disponibilità di ricevere rifiuti da trattare per recuperarli a fini energetici può offrirsi”.

Rimane però l’arbitrato intentato da Colari contro l’Ama da 900 milioni. In presenza di questo quadro, è possibile che la carta che Ama sta per calare avrà delle conseguenze: "la svolta non sarà indolore, temiamo ritorsioni e pesanti conflitti. Auspichiamo che la gara non vada deserta e che si affermi la legalità- ha detto Fortini- gli arbitri, al loro interno pure divisi, hanno perfettamente tracciato il percorso di legalità e verità anche grazie alla perizia del professor Laghi, secondo la quale non è possibile attribuire ad Ama nè quantificare un danno da questa causata a Cerroni. Non credo siano possibili dei colpi di scena". Ma le conseguenze di un lodo arbitrale negativo per Ama potrebbero essere disastrose
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"