MARTEDÌ 14 LUGLIO 2015, 001:30, IN TERRIS

ALLARME RICICLAGGIO: IN AUMENTO LE OPERAZIONI SOSPETTE

Secondo il rapporto Uif nel 2014 sono arrivate circa 71.700 segnalazioni. Dato in crescita rispetto al 2013

REDAZIONE
ALLARME RICICLAGGIO: IN AUMENTO LE OPERAZIONI SOSPETTE
ALLARME RICICLAGGIO: IN AUMENTO LE OPERAZIONI SOSPETTE
Criminalità organizzata, corruzione ed evasione fiscale rendono significativo l'allarme riciclaggio in Italia. E' quanto emerge dal rapporto annuale Uif nel quale si evidenzia che nel 2014 sono state ricevute circa 71.700 segnalazioni di operazioni sospette: quasi 7.000 in più rispetto al 2013. Si conferma così il trend di crescita che dal 2007 ha portato a incrementare di quasi sei volte il flusso segnaletico annuo. Gli uffici della Pubblica amministrazione, particolarmente esposti all'incidenza della corruzione nei settori degli appalti e dei finanziamenti pubblici, rileva Uif, mostrano ancora scarsa sensibilità per l'antiriciclaggio malgrado siano sempre stati ricompresi nel novero dei soggetti obbligati alla segnalazione. Ciò ne accresce la vulnerabilità. I risultati conseguiti in termini di volumi, e anche di tempestività e qualità delle segnalazioni, testimoniano una vera e propria trasformazione culturale: le segnalazioni sono la parte emergente di una potente e capillare azione di scrutinio dell'attività economica che gli operatori svolgono a fini di contrasto del riciclaggio.

Le 24 ispezioni condotte dalla Uif nel 2014 hanno riguardato anche comparti diversi dall'intermediazione bancaria, quali il risparmio gestito, il private banking, il trading online e l'operatività degli istituti di pagamento; per la prima volta l'Unità ha effettuato accertamenti presso società di revisione, esercenti attività di custodia e trasporto di valori e operatori di gioco. Importanti innovazioni sono intervenute nella normativa di riferimento dell'antiriciclaggio: è stato introdotto nel nostro ordinamento il reato di autoriciclaggio; in ambito europeo, è stato definito, durante il semestre di presidenza italiana dell'Unione, il testo della quarta direttiva antiriciclaggio, poi adottata nel maggio scorso. Il nuovo reato di autoriciclaggio rappresenta un'apprezzabile soluzione di compromesso tra le diverse posizioni che per anni hanno animato il dibattito giuridico. Il testo della nuova norma pone alcune incertezze interpretative; sarà l'esperienza applicativa della riforma a verificarne l'effettiva capacità di deterrenza e repressione delle condotte criminali. Norme adeguate sono essenziali, ma sono destinate a restare inefficaci se manca la condivisione di fondo degli obiettivi da parte della società civile. Il sistema delle segnalazioni delle operazioni sospette offre agli operatori l'opportunità di divenire protagonisti nella lotta alla criminalità finanziaria; di fare una precisa scelta di campo, abbandonando agnosticismi e disponibilità alla connivenza. E' ulteriormente migliorata anche la tempestività di invio delle segnalazioni: il 55% di esse è pervenuta alla Uif entro un mese dall'operazione; oltre il 70% entro due mesi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"