MERCOLEDÌ 15 APRILE 2015, 001:30, IN TERRIS

ALLARME DA BANKITALIA: RECORD STORICO DEL DEBITO PUBBLICO

A febbraio è aumentato di 3,3 miliardi rispetto a gennaio. Superato il primato di luglio

REDAZIONE
ALLARME DA BANKITALIA: RECORD STORICO DEL DEBITO PUBBLICO
ALLARME DA BANKITALIA: RECORD STORICO DEL DEBITO PUBBLICO
L'allarme arriva da Bankitalia: il debito pubblico a febbraio è aumentato di 3,3 miliardi rispetto a gennaio ed è salito a 1.168,2 miliardi di euro. Si tratta di un record, visto che viene superato il precedente picco di 1.167,7 miliardi toccato lo scorso luglio. La comunicazione di Palazzo Koch è arrivata nel supplemento al Bollettino statistico: "Finanza pubblica, fabbisogno e debito". Nel primo bimestre del 2015 le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 58 miliardi, rimaste sostanzialmente invariate rispetto allo stesso periodo del 2014. Nei primi due mesi del 2015 le entrate sono state pari a 57,95 miliardi a fronte dei 58,21 dei primi due mesi 2014.

Resta invariata, nel primo trimestre, la domanda delle imprese per gli investimenti fissi mentre aumenta quella per scorte/capitale circolante e ristrutturazione e rinegoziazione del debito. Ferma anche quella per fusioni e acquisizioni. L'istituto, dopo un'indagine sul credito nell'eurozona segnala inoltre come "nel primo trimestre 2015 sia proseguito l'allentamento dei criteri di offerta dei prestiti a imprese e famiglie", in scia alla "maggiore concorrenza tra le banche e al miglioramento della liquidità degli intermediari". Per il trimestre in corso le banche "si attendono un ulteriore, lieve allentamento delle condizioni di offerta dei prestiti alle imprese".

"Il miglioramento delle politiche creditizie si è tradotto soprattutto in una ulteriore riduzione dei margini applicati alla media dei prestiti e, per le erogazioni alle imprese, in un lieve aumento dell'ammontare concesso", spiega Bankitalia, sottolineando che "secondo le valutazioni degli intermediari, la domanda di prestiti da parte delle imprese è rimasta invariata, quella delle famiglie è aumentata. Nel trimestre in corso la domanda di finanziamenti, sia delle imprese sia delle famiglie, si rafforzerebbe in misura significativa".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud