LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015, 002:01, IN TERRIS

ALFANO SUI MIGRANTI: "FAREMO PIU' RIMPATRI POSSIBILE"

Il ministro parla anche della posizione dell'Italia e degli altri temi legati all'emergenza degli sbarchi

AUTORE OSPITE
ALFANO SUI MIGRANTI:
ALFANO SUI MIGRANTI: "FAREMO PIU' RIMPATRI POSSIBILE"
Dopo il faticoso compromesso sulla distribuzione dei migranti raggiunto dall'Unione europea, il ministro degli Interni Angelino Alfano è tornato a parlare della posizione dell'Italia e degli altri temi legati all'emergenza dettata dagli sbarchi.  "Per la prima volta l'Italia ottiene un risultato a livello europeo che dà l'idea di un primo passo in avanti. Certo, non abbiamo ottenuto tutto quello che avremmo voluto, ma abbiamo ottenuto più di quanto si sia mai ottenuto in Europa in materia di immigrati", ha detto il ministro intervenendo con un videomessaggio al Festival del Lavoro in corso a Palermo.

Riferendosi ai 24 mila migranti che verranno distribuiti in Europa, Alfano ha detto: "L'accordo Ue ha messo in crisi il regolamento di Dublino e crea 24 mila brecce nel muro di Berlino. E' un primo passo, non nelle quantità che avremmo voluto, ma c'è l'obbligo di farsi carico rispettando il principio di solidarietà di uno sforzo che l'Italia ha fin qui compiuto".

Alfano ha parlato anche dei rimpatri: "Un altro aspetto importante in tema di immigrazione è quello dei rimpatri, l'accoglienza dobbiamo garantirla a chi scappa dalla guerra, ma dobbiamo anche rimpatriare chi arriva illegalmente". "L'opinione pubblica è stanca. ha aggiunto - accogliamo i profughi e facciamo tornare a casa chi non ha diritto di stare in Italia. Rimpatrieremo il più altro numero di persone che possiamo rimpatriare".

"Abbiamo vissuto una crisi economica più lunga di una guerra mondiale e abbiamo un grave problema di disoccupazione, immaginare che un immigrato tolga lavoro ad un italiano è impensabile, gli italiani non vedranno rubati posti di lavoro dagli immigrati", ha poi sottolineato Alfano.

Dell'accordo europeo sulla distribuzione dei migranti ha parlato anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando: "L'accordo fatto con l'Unione Europea è un primo passo perché abbiamo dei flussi che caratterizzeranno i prossimi anni e andranno gestiti quindi è un precedente, un primo passo importantissimo perché è la prima volta che l'Europa si fa carico di questo dato, bisogna quindi proseguire e andare avanti in questa direzione".
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Dan Johnson
KENTUCKY

Si suicida deputato accusato di stupro

Il repubblicano Dan Johnson era nell'occhio del ciclone per un presunto caso di violenza sessuale
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"