LUNEDÌ 29 GIUGNO 2015, 002:01, IN TERRIS

ALFANO SUI MIGRANTI: "FAREMO PIU' RIMPATRI POSSIBILE"

Il ministro parla anche della posizione dell'Italia e degli altri temi legati all'emergenza degli sbarchi

AUTORE OSPITE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
ALFANO SUI MIGRANTI:
ALFANO SUI MIGRANTI: "FAREMO PIU' RIMPATRI POSSIBILE"
Dopo il faticoso compromesso sulla distribuzione dei migranti raggiunto dall'Unione europea, il ministro degli Interni Angelino Alfano è tornato a parlare della posizione dell'Italia e degli altri temi legati all'emergenza dettata dagli sbarchi.  "Per la prima volta l'Italia ottiene un risultato a livello europeo che dà l'idea di un primo passo in avanti. Certo, non abbiamo ottenuto tutto quello che avremmo voluto, ma abbiamo ottenuto più di quanto si sia mai ottenuto in Europa in materia di immigrati", ha detto il ministro intervenendo con un videomessaggio al Festival del Lavoro in corso a Palermo.

Riferendosi ai 24 mila migranti che verranno distribuiti in Europa, Alfano ha detto: "L'accordo Ue ha messo in crisi il regolamento di Dublino e crea 24 mila brecce nel muro di Berlino. E' un primo passo, non nelle quantità che avremmo voluto, ma c'è l'obbligo di farsi carico rispettando il principio di solidarietà di uno sforzo che l'Italia ha fin qui compiuto".

Alfano ha parlato anche dei rimpatri: "Un altro aspetto importante in tema di immigrazione è quello dei rimpatri, l'accoglienza dobbiamo garantirla a chi scappa dalla guerra, ma dobbiamo anche rimpatriare chi arriva illegalmente". "L'opinione pubblica è stanca. ha aggiunto - accogliamo i profughi e facciamo tornare a casa chi non ha diritto di stare in Italia. Rimpatrieremo il più altro numero di persone che possiamo rimpatriare".

"Abbiamo vissuto una crisi economica più lunga di una guerra mondiale e abbiamo un grave problema di disoccupazione, immaginare che un immigrato tolga lavoro ad un italiano è impensabile, gli italiani non vedranno rubati posti di lavoro dagli immigrati", ha poi sottolineato Alfano.

Dell'accordo europeo sulla distribuzione dei migranti ha parlato anche il ministro della Giustizia Andrea Orlando: "L'accordo fatto con l'Unione Europea è un primo passo perché abbiamo dei flussi che caratterizzeranno i prossimi anni e andranno gestiti quindi è un precedente, un primo passo importantissimo perché è la prima volta che l'Europa si fa carico di questo dato, bisogna quindi proseguire e andare avanti in questa direzione".
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”